Press ESC to close

17 piante che assorbono l’umidità nel bagno

Infiltrazioni, risalita di capillari o anche problemi di condensa possono causare un’eccessiva umidità in casa. L’umidità eccessiva può apparire come appannamento su finestre e pareti umide. A volte l’aria troppo umida è accompagnata dalla comparsa di muffe su pareti e soffitti. Generalmente il bagno è la stanza della casa dove il tasso di umidità è particolarmente elevato. Scopri 17 piante che assorbono l’umidità nel bagno.

Bagni, terreno fertile per l’umidità

Qualcuno ancora non lo sa, ma i bagni sono dei veri e propri parchi giochi per le muffe , a causa della perfetta combinazione tra umidità e calore. Chris Bonnett, fondatore di Gardening Express , spiega che queste spore di muffa prosperano particolarmente in questi ambienti umidi!

Per informazioni :

La muffa è un comune inquinante indoor che può nuocere gravemente alla nostra salute se non trattata adeguatamente e in tempo! Prosperano instancabilmente durante tutto l’anno, stabilendosi nei luoghi più umidi, come bagni, cucine e gli angoli più freddi dei nostri soggiorni.

Fattori da considerare nella scelta della pianta ideale per il proprio bagno

Igrometria: bisogna ovviamente optare per una pianta in ambienti umidi.

Illuminazione: alcune piante necessitano di poca luce… Quindi spostale più vicino a una fonte di luce o, se necessario, utilizza lampadine fluorescenti.

Sicurezza: assicurati che le piante scelte non siano tossiche per te o per i tuoi animali domestici. In caso di dubbio, mettili fuori dalla portata di bambini e animali domestici o evitali del tutto!

Spazio: considera le dimensioni del tuo bagno e come cresce la pianta. Quelli più grandi generalmente richiedono più spazio, mentre quelli più piccoli sono adatti agli spazi ristretti.

Temperatura: prima di installare il tuo impianto, tieni conto delle variazioni stagionali della temperatura del tuo bagno.

Quali piante da interno mettere in bagno per assorbire l’umidità?

Passiamo ai fatti! Abbiamo compilato per te un elenco di 17 piante capaci di assorbire l’umidità nel tuo bagno. Scegli tra queste specie e riconnettiti con la natura!

  1. La palma di bambù

Palma di bambù

La palma bambù, chiamata anche “palma cinese”, è una varietà di piccole palme originarie della Cina meridionale. Questa pianta dalle foglie verde scuro prospera nei climi caldi e si adatta bene alla luce da media a scarsa .

Questa varietà di bambù assorbe l’umidità, rendendolo una scelta eccellente come pianta d’appartamento. Per quanto riguarda la sua manutenzione, assicuratevi che il terreno sia sufficientemente bagnato, soprattutto durante l’estate, altrimenti le foglie seccheranno! 

Infatti, quando l’aria è umida, le sue foglie diventano leggermente lucide, perché assorbono il vapore acqueo in eccesso presente nell’aria. La palma di bambù è quindi ottima per ambienti come il bagno, la cucina o la camera da letto.

Quindi, per regolare il livello di umidità, procurati una o due di queste piante per creare un’atmosfera rinfrescante e rilassante.

  • Nome scientifico: Rhapis excelsa
  • Colore foglia: verde scuro
  • Taglia da adulto: altezza da 1,5 a 2 m in ambienti chiusi
  • Luce: tollera la scarsa illuminazione
  • Manutenzione: manutenzione ridotta
  • Tossicità: no
  1. La felce di Boston

Felce di Boston

La felce di Boston , con il suo fogliame verde ben arcuato, assorbe perfettamente l’umidità in eccesso che la circonda . Crescendo meglio alla luce solare diretta, questa pianta prospera in ambienti umidi, rendendola una scelta ideale come pianta d’appartamento, soprattutto in aree con elevata umidità.

Queste piante, originarie delle foreste pluviali dei Caraibi e dell’America Latina, sono in grado di purificare l’aria di casa bilanciando i livelli di umidità. 

Tuttavia, tieni presente che non tollerano l’aria secca e posizionandole in un clima simile seccano le loro fronde, causando la morte della pianta. Quindi, assicurati che il terreno rimanga costantemente umido.

  • Nome scientifico: Nephrolepis exaltata
  • Colore delle foglie: fronde verdi ben arcuate
  • Luce: riparata dal sole
  • Taglia da adulto : da 30 a 60 cm di altezza
  • Manutenzione : irrigazione regolare
  • Tossicità : no
  1. L’aloe vera

Aloe Vera

Aloe vera… Questa pianta succulenta prospera nell’ambiente umido di un bagno. Originaria della penisola arabica, cresce spontanea nei climi tropicali, semitropicali e aridi.

Essendo di un verde brillante, le sue foglie donano eleganza a qualsiasi stanza. In generale, l’Aloe vera richiede poca manutenzione, un vantaggio che la rende una compagna poco esigente! 

Basta posizionarla vicino ad una finestra che lasci entrare la luce, senza esporla direttamente ai raggi del sole , poiché questo rischia di seccarne il fogliame e di causare danni all’ingiallimento della pianta.

Oltre al suo aspetto estetico e alla sua capacità di deumidificare l’aria interna, questa pianta viene utilizzata anche in cosmetica e per scopi medicinali…  

  • Nome scientifico: Aloe barbadensis miller
  • Colore foglia : verde
  • Luce : stanza luminosa, ma senza luce solare diretta
  • Taglia da adulto : da 30 a 60 cm di altezza
  • Manutenzione : facile
  • Tossicità : il lattice sotto la pelle della foglia è tossico
  1. Tillandsia

Tillandsia

Le Tillandsie, piante a forma di tramoggia con foglie triangolari, sono una varietà unica di piante d’appartamento. Sono piante epifite, nel senso che non vivono nel terreno e ottengono i loro nutrienti dall’aria. Per questo vengono chiamate anche piante aeree. Appese o in vaso, le Tillandsie catturano l’acqua e l’umidità in eccesso. 

Prosperano a temperature calde, rendendole un’ottima pianta d’appartamento per la stagione estiva. Originari degli Stati Uniti meridionali, si trovano nel loro habitat naturale aggrappati alle rocce e alla base di arbusti e alberi.

Mettile su uno scaffale o in un barattolo di vetro… Altrimenti, in termini di manutenzione, trattale come qualsiasi altra pianta d’appartamento. Per sopravvivere più a lungo necessitano di una buona dose di luce; una finestra esposta a sud o a est andrà benissimo! Detto questo, assicurati che la luce sia fioca.

Poiché non hanno bisogno di terra, prendersi cura delle Tillandsie è relativamente semplice. Non è necessario controllare il terreno o rinvasarli. Basta immergerli in acqua per 10-15 minuti una volta alla settimana e voilà! 

  • Nome scientifico: Tillandsia
  • Colore delle foglie : rosso, rosa, arancione, viola, spine color salmone
  • Luce : la luce dovrebbe essere brillante ma attenuata
  • Taglia adulto : da 10 a 50 cm
  • Manutenzione : manutenzione ridotta
  • Tossicità : no
  1. Calatheas

piante che assorbono l'umidità nel bagno - Calathea

Le calathea, piante tropicali che prosperano in ambienti umidi, hanno la capacità di assorbire l’umidità dall’ambiente circostante. È proprio per questo motivo che molte persone preferiscono posizionarli nel proprio bagno. Il loro fogliame verde brillante richiede un alto livello di umidità per mantenere la sua forma e consistenza. Altrimenti si arriccia verso l’interno.

Stai attento ! luce solare diretta, poiché ciò potrebbe far sbiancare le foglie. Durante il periodo di crescita, assicurati di annaffiarlo generosamente e di mantenere il terreno costantemente umido. Per fare questo usate acqua tiepida e non calcarea, come quella piovana. In questo modo, la bellezza del fogliame sarà preservata e non appariranno macchie sulla tua pianta.

Attenzione però, perché un eccesso di acqua nel terreno sarebbe loro fatale. Quindi, è meglio trovare un buon equilibrio per mantenerli in vita più a lungo. 

  • Nome scientifico: Calathea
  • Colore delle foglie: bianco, giallo, arancione o verde
  • Luce: da bassa a media/ombra parziale
  • Taglia adulto: da 0,30 a 1 metro
  • Manutenzione : difficile
  • Tossicità: no
  1. L’orchidea

Orchidea

Le orchidee sono anche una delle piante da fiore che assorbono l’umidità e rinfrescano la casa in estate . Per favorirne la crescita, devono essere installati in un luogo con un tasso di umidità compreso tra il 60 e l’80%. 

Quando si tratta di coltivarle, alcune varietà necessitano di terra, ma altre sono considerate piante epifite, nel senso che crescono nell’aria. In termini di luce, queste piante esotiche di origine tropicale necessitano di luce chiara, senza esposizione diretta al sole. 

Il bello delle orchidee è che una volta mature producono fiori che abbelliscono i tuoi spazi abitativi!

  • Nome scientifico: Orchidaceae
  • Colore del fiore : bianco, rosa, giallo, rosso, arancione, viola, verde
  • Luce : posizione ben esposta alla luce, senza sole diretto
  • Taglia adulto : da 15 cm a 60 cm
  • Manutenzione : da 15 cm a 60 cm
  • Tossicità : non tossico
  1. Cactus

Cactus

I cactus, piante originarie del Nord America, del Sud America e del Messico e appartenenti alla famiglia dei cactus, si distinguono per la capacità di assorbire l’umidità presente nell’aria circostante. Una proprietà che permette loro di purificare l’aria ambiente e regolare i livelli di umidità.

Questa capacità di assorbire l’acqua in eccesso le rende piante d’appartamento ideali, perfettamente adatte a bagni e cucine . Tuttavia, anche se li metti in un luogo umido, non dimenticare di annaffiarli di tanto in tanto per fornire l’idratazione necessaria alle radici.

Anche se di solito associamo i cactus ai deserti, sono perfetti anche per gli interni. 

  • Nome scientifico: Cactaceae
  • Colore  : vari colori
  • Luce : luogo luminoso, senza luce solare diretta
  • Taglia da adulto : 0,5 cm a più di 15 metri, a seconda della varietà
  • Manutenzione : irrigazione moderata, bassa manutenzione
  • Tossicità : pericoloso, ma non tossico
  1. Il filodendro

Filodendro

Il filodendro, originario dei tropici, si adatta bene alle condizioni umide di un bagno. Esistono diverse varietà di questa pianta, alcune si allungano meno mentre altre possono raggiungere circa 2,5 metri di altezza . Per scegliere quello più adatto al tuo bagno, considera le sue dimensioni.

Dato il loro habitat naturale, i filodendri tollerano bene le temperature più basse, ma per garantire la loro crescita è essenziale una nebulizzazione regolare… In inverno richiedono una minore umidità , mentre in estate è essenziale nebulizzarli costantemente.

Per prosperare liberamente, il filodendro richiede una luce brillante e indiretta. Quindi la cosa migliore da fare è posizionarlo vicino ad una finestra con una tenda. 

Detto questo, quando le temperature aumentano, assicurati di metterlo in un contenitore ben drenante e di annaffiarlo abbastanza regolarmente!

  • Nome scientifico: filodendro
  • Colore foglia : verde scuro
  • Luce : ombra parziale
  • Taglia adulto : 90 cm e 2,5 metri
  • Manutenzione : facile
  • Tossicità : sì
  1. La lingua della suocera

Sansevieria

La lingua della suocera , chiamata anche pianta serpente, è una pianta succulenta perenne che presenta fogliame sempreverde. Grazie alle sue foglie riesce a ridurre i livelli di umidità e purifica l’atmosfera. 

Ma non è tutto! Questa specie succulenta subtropicale si adatta bene sia alla luce intensa che a quella fioca , rendendola la scelta ideale per il tuo bagno. 

Per quanto riguarda l’idratazione della lingua della suocera, evita di annaffiarla più del necessario, perché l’acqua in eccesso può danneggiarla notevolmente!

  • Nome scientifico: Sansevieria trifasciata
  • Colore foglia : verde chiaro, verde scuro, variegato
  • Luce : sole/ombra parziale
  • Taglia da adulto : da 0,15 a 1,80 m di altezza
  • Manutenzione : facile
  • Tossicità : sì
  1. Il giglio della pace

Giglio della pace

I gigli della pace, con i loro fiori bianchi e il fogliame verde scuro, costituiscono un’ottima aggiunta alla tua collezione di piante d’appartamento.

Queste piante, chiamate anche “fiori della luna”, prosperano nelle regioni tropicali e assorbono bene il vapore acqueo dall’aria . Poiché il loro ambiente originale è umido, queste piante amano i terreni fradici e prosperano in ambienti che offrono loro una buona idratazione. Altrimenti, per quanto riguarda la luce, queste piante necessitano di essere esposte a una luce intensa e indiretta.

Beneficiando di queste condizioni, il tuo giglio della pace può fiorire durante tutto l’anno, producendo graziosi fiori bianchi.

In estate, avere diversi gigli della pace nello stesso luogo può anche aiutare a regolare la temperatura della casa assorbendo l’umidità in eccesso.

  • Nome scientifico: Spathiphyllum wallisii
  • Colore  : fiori bianchi, fogliame verde scuro
  • Luce : apprezza la luce ma non il sole diretto
  • Taglia adulto : da 60 cm a 1 m
  • Manutenzione : facile
  • Tossicità : no
  1. La pianta ragno

Pianta ragno

Le piante ragno sono popolari in molte case per la loro facilità di cura e la capacità di prosperare senza troppi interventi. Sono chiamate piante ragno perché quando sono mature producono giovani germogli a forma di ragno.  

Sebbene si adattino bene alle condizioni asciutte, queste piante necessitano comunque di un’atmosfera umida per poter prosperare al meglio. 

Le piante ragno, infatti, hanno foglie dotate di stomi, il che le rende più resistenti sia alla siccità che all’umidità. Grazie a questo adattamento le loro foglie si mantengono fresche, evitando così che anneriscano e secchino.

Se nel luogo in cui vivi l’umidità è elevata in estate, avere piante ragno in casa può essere utile. Disponendoli in numero potrai regolare efficacemente i livelli di umidità e rinfrescare la tua casa.

  • Nome scientifico: Chlorophytum comosum
  • Colore delle foglie : verde chiaro, verde scuro, grigio, argento o variegato
  • Luce : ombra parziale/ombra
  • Taglia adulto : da 0,15 a 0,60 m
  • Manutenzione : facile
  • Tossicità : no
  1. La palma nana di Seifriz

Palma nana

Le palme sono una grande famiglia di piante che riunisce migliaia di specie con caratteristiche diverse. Queste includono varietà tropicali, subtropicali e desertiche, ciascuna con le sue preferenze specifiche in termini di condizioni di vita. Mentre alcuni preferiscono l’ombra e gli ambienti umidi e bui, altri preferiscono il caldo e l’esposizione al pieno sole.

La palma nana, infatti, è particolarmente adatta alle zone tropicali e umide, dove fiorisce particolarmente bene. Originaria dell’America Centrale e del Messico, questa pianta è in grado di prosperare in condizioni di scarsa illuminazione ed è una buona opzione per luoghi come i bagni. Oltre ad avere proprietà disinquinanti, le sue lunghe foglie verdi gli conferiscono un aspetto decorativo.

Per prendersi cura adeguatamente di una palma nana, bisogna fare attenzione a non lasciare ristagnare l’acqua sul fondo del vaso e, soprattutto, posizionarla in una stanza dove non sia esposta alla luce solare diretta.

  • Nome scientifico: Chamaedorea seifrizii
  • Colore foglia : verde chiaro o grigio blu
  • Luce : apprezza il sole, soprattutto in inverno
  • Taglia da adulto : fino a 3 m
  • Manutenzione : manutenzione ridotta
  • Tossicità : no
  1. Il fucsia

Fucsia

Originarie dell’America centrale e meridionale, le fucsie fioriscono a 3.000 metri di altitudine. Queste piante, dalla crescita rapida, sono soprattutto facili da coltivare… Una qualità che le rende apprezzate dai proprietari di casa!

Prediligendo angoli ombreggiati, il fucsia apprezza meno la luce solare diretta, favorendo invece l’umidità. Con molte specie e varietà, questa pianta offre un’ampia gamma di scelte per soddisfare tutti gli amanti delle piante da interno. La sua fioritura abbondante durante l’estate e l’autunno è davvero splendida e dona un tocco di eleganza a bagni, terrazze, balconi o giardini…

  • Nome scientifico: Fucsia
  • Colore del fiore : rosa, rosso, viola o bianco
  • Luce : ombra parziale o sole leggero
  • Taglia adulto : da 20 a 60 cm
  • Manutenzione : manutenzione ridotta
  • Tossicità : no
  1. Il ficus

Ficus

Gli alberi di ficus hanno guadagnato popolarità come scelta ideale per aggiungere un tocco di verde ai bagni, grazie alla loro resistenza agli ambienti umidi e alle loro limitate esigenze di luce e acqua. Crescono assorbendo l’umidità dell’aria, che regola efficacemente i livelli igrometrici.

Amato per le sue foglie verdi rigogliose, il ficus è una pianta versatile che può adattarsi a quasi tutti gli interni, anche se è opportuno evitare di posizionarlo in zone esposte a correnti d’aria o temperature fredde all’aperto.

Di facile manutenzione e resistente al calore elevato, questa pianta originaria dell’Asia centrale e meridionale agisce anche come purificatore naturale dell’aria, eliminando le tossine presenti nell’ambiente che la circonda. Scegliere il Ficus come pianta da bagno non solo aggiunge fascino estetico, ma contribuisce anche a creare un ambiente interno più sano.

  • Nome scientifico Ficus
  • Colore foglia : verde brillante
  • Luce : stanza luminosa
  • Taglia adulto : 3 m in ambienti chiusi
  • Manutenzione : manutenzione ridotta
  • Tossicità : 
  1. Edera inglese

Edera inglese

L’edera inglese ama gli spazi umidi. Queste piante vengono generalmente installate nei bagni, nelle camere da letto e nelle cucine per equilibrare il livello di umidità.

Queste piante purificano anche l’aria ed eliminano la muffa comune nelle regioni calde e umide. Inoltre, non necessitano di cure particolari, purché godano di condizioni adeguate. 

L’edera inglese non ha bisogno di molta luce e apprezza le zone d’ombra in estate. Tutto quello che devi fare è mantenere il terreno umido per evitare che le foglie appassiscano. Attenzione però a non annaffiarla più del necessario, poiché l’acqua in eccesso rischia di far marcire le radici e causare la morte della pianta!

Per tua informazione, è in altezza che l’edera inglese prospera di più, perché assorbe meglio l’umidità dall’aria. Quindi, assicurati di appenderlo in una pentola! 

  • Nome scientifico: Hedera helix
  • Colore foglia : verde e crema
  • Luce : 2 o 3 ore di sole al giorno
  • Taglia da adulto : da 7 a 20 metri
  • Manutenzione : manutenzione ridotta
  • Tossicità : tossicità moderata
  1. Nepenthes

Nepente

La Nepenthes, originaria del Sud-Est asiatico e del Madagascar, è una pianta carnivora che cattura gli insetti attirandoli nelle sue urne tramite un odore specifico. Una volta intrappolata, la preda viene lentamente digerita, fornendo alla pianta i nutrienti essenziali di cui ha bisogno.

Tuttavia, coltivare il nepenthes non è un compito facile… Per fornirgli le condizioni ottimali di cui ha bisogno, ti consigliamo di posizionarlo in un terrario o in una serra! Questa pianta non apprezza l’esposizione diretta al sole e ancor meno le correnti d’aria.

Poiché cresce naturalmente nelle foreste umide, il nepenthes richiede una buona umidità nell’aria, così come un’adeguata umidità del suolo per sviluppare le sue trappole e nutrirsi.

  • Nome scientifico: Nepenthe
  • Colore delle foglie : verde chiaro, verde scuro, rosso, variegato
  • Luce : stanza luminosa
  • Taglia adulto : da 0,30 a 20 m
  • Manutenzione : manutenzione ridotta
  • Tossicità : no
  1. L’epicatto

L'epifillo

L’epicactus, chiamato anche “Epiphyllum”, è una delle rare varietà di cactus cosiddetti “epifiti” presenti nelle foreste tropicali e subtropicali. Si distingue per i suoi steli piatti o triangolari, talvolta dotati di spine, che danno origine a magnifici fiori colorati (gialli, arancioni, rosa o rossi) per illuminare i vostri interni. 

Questa specie di pianta fragile non sopporta il freddo e prospera meglio in un terreno ben drenato, sabbioso o sassoso … Per il suo sviluppo ottimale, si consiglia un luogo parzialmente ombreggiato e umido.

Chiamato anche cactus orchidea, l’epicactus svolge perfettamente il ruolo di deumidificatore dell’aria. Con i suoi fiori colorati e profumati, questa bella pianta non manca di attrazioni per rallegrare i tuoi spazi abitativi!

  • Nome scientifico: Cactus epiphyllum
  • Colore del fiore : bianco, giallo, rosa, arancione, rosso.
  • Luce : molta luce
  • Misura adulto : 5 cm di larghezza e 3 mm di spessore
  • Manutenzione : irrigazione regolare
  • Tossicità : no

Come togliere l’umidità dal bagno?

Bagno umido, specchio appannato… dopo aver fatto la doccia o il bagno, è quindi del tutto naturale che ciò accada! Se l’acqua in eccesso non si asciuga molto velocemente, ciao muffa  ! Risultato? La vernice delle pareti e del soffitto si stacca e i batteri proliferano… Per evitare questo inconveniente, segui i nostri consigli!

  1. Aprire la porta dopo aver fatto la doccia o il bagno
  2. Lascia le finestre aperte per ventilare il bagno
  3. Accendi il ventilatore quando fai la doccia
  4. Disappanna lo specchio ogni volta che fai il bagno o la doccia
  5. Riscalda il tuo bagno
  6. Asciuga gli asciugamani all’aperto dopo ogni utilizzo
  7. Fai docce più brevi e più fresche
  8. Installa un deumidificatore dell’aria

Domande frequenti

Quali sono le piante verdi antiumidità da installare in bagno e nelle stanze buie?

Quale pianta assorbe più umidità nel bagno?

Negli ambienti umidi come il bagno, le felci generalmente si comportano meglio. Tuttavia, tra tutte le varietà esistenti, è la felce di Boston a vincere il jackpot! Si distingue infatti per la sua notevole capacità di assorbire l’umidità e deumidificare l’aria.