Avere piante in casa è una cosa molto piacevole, soprattutto se emanano profumi che inebriano i nostri sensi, come il rosmarino. È una delle piante aromatiche più versatili, soprattutto per le sue proprietà medicinali. Tuttavia, sebbene sia una pianta perenne, a volte può appassire abbastanza rapidamente se non adeguatamente curata. Ecco come prendersi cura di questa pianta.

Ecco delle  regole molto semplici per far durare questa perenne  in modo che continui a profumare i tuoi interni.

piantagioni di rosmarino

Come mantenere la pianta di rosmarino in modo che duri a lungo?

Mantenere viva la tua pianta aromatica il più a lungo possibile dipende da come la mantieni. Per questo, ti suggeriamo di applicare i seguenti trattamenti  per continuare a godere del suo aroma,  che non ha nulla da invidiare al profumo di una buona pianta di lavanda o giglio della pace.

Leggi anche: Perché bruciare il rosmarino in casa?

– Tieni conto della solarità del tuo rosmarino

Mentre il rosmarino tollera le zone abbastanza ombreggiate,  prospera meglio in pieno sole . Se lo porti in casa, preferisci posizionarlo in una zona abbastanza soleggiata.

– Considera i requisiti del suolo per la coltivazione del rosmarino

Il terreno umido dovrebbe essere evitato affinché le piante di rosmarino possano prosperare perché sebbene siano molto tolleranti alla maggior parte delle condizioni a cui sono esposte, il terreno troppo umido è dannoso per loro. È meglio favorire  un terreno ben drenato e sabbioso.

La pianta del rosmarino predilige un terreno abbastanza calcareo che le permetterà di resistere maggiormente e dare piccole foglie profumate. Evita i terreni scarsamente drenati come i terreni argillosi  che possono essere fatali per il rosmarino nella stagione invernale.

Il periodo di fioritura è favorevole alla buona crescita della pianta ed è quindi il momento ideale per concimarla regolarmente. Se vuoi raccogliere il miglior fogliame,  usa il fertilizzante liquido  una volta al mese da aprile a settembre.

piantare il rosmarino

– La giusta dose di annaffiature per far durare il rosmarino

Va precisato fin da subito che il rosmarino non necessita di molta acqua perché  è una pianta particolarmente resistente alla siccità. Dovrai annaffiare la pianta solo se scopri che il terreno o il compost sono completamente asciutti.

Vale anche la pena notare  che l’irrigazione eccessiva sarà responsabile dell’imbrunimento delle punte delle foglie verdi.  Troppa irrigazione marcirà solo le radici, il che porterà alla morte della pianta. Non appena vedi le punte marroni, smetti immediatamente di annaffiare e lascia che il terreno si asciughi completamente prima di riprendere ad annaffiare con parsimonia.

– Considera le temperature per proteggere il rosmarino

Come accennato, il rosmarino preferisce principalmente il sole. Niente di più sorprendente per una pianta originaria del bacino del Mediterraneo dove il clima è temperato. Ma durante gli inverni rigidi è un’altra storia poiché è in queste condizioni che è necessario proteggere maggiormente la pianta e far sì che sia riparata. Se è vero che resiste alle gelate e alle basse temperature, non può resistere di più  se il clima freddo è accompagnato da umidità e vento.  Inoltre, le piante in vaso sono generalmente meno resistenti a queste condizioni rispetto a quelle piantate.

Inoltre, una pianta giovane diventa rustica, cioè resistente al freddo, solo se supera i 3 anni. Periodo durante il quale necessita di maggiore protezione in inverno.

Per svernarli saggiamente, è meglio  tenerli in contenitori al chiuso.  Se preferisci lasciarli all’aperto, assicurati di metterli in una zona ombreggiata per evitare l’impatto dei venti gelidi. Quindi sentiti libero di usare contenitori per proteggere le tue piante di rosmarino.

Leggi anche: Brucia un rametto di rosmarino in casa e guarda cosa succede dopo 10 minuti

pianta di rosmarino

– Proteggi la pianta di rosmarino dagli insetti

Sebbene la pianta del rosmarino sia particolarmente resistente agli insetti e ad altri tipi di parassiti, è fondamentale mantenerla, soprattutto se attaccata da bruchi o coleotteri fogliari. Puoi rimuovere gli insetti a mano e trattare la pianta con sapone nero.

– Gestisci le dimensioni della pianta di rosmarino

Rosmarino in vaso

Mantenere la propria pianta di rosmarino in modo che viva più a lungo significa anche non dimenticare un criterio spesso trascurato, ovvero la  dimensione dei suoi rami.  I più deboli dovrebbero essere tagliati così come quelli che sono diventati troppo larghi o troppo grandi. Sarà poi opportuno potare la pianta a livello dei fusti laterali e di farlo preferibilmente durante l’inverno o dopo la fioritura.

Leggi anche: ti spiego perché tutti bolliscono il rosmarino: un’idea geniale