Apprezzate da grandi e piccini, le fragole sono frutti rossi delle piante di fragola. Ricche di acqua, vitamine e minerali, queste bacche hanno molteplici benefici per la salute. Si possono consumare come dessert con la panna montata, nelle marmellate o anche in una crostata, in una torta o in una verrina. Generalmente è all’inizio della primavera che compaiono le prime fragole. Se vuoi piantare fragole in casa e aumentare la produzione di frutti rossi e succosi, ecco i nostri consigli per avere 4 volte più fragole.

Facili da coltivare, le fragole sono piante perenni con foglie alte dai 10 ai 15 centimetri. Le piante di fragola richiedono fertilizzazione e umidità del suolo per fornire una buona produzione di fragole. In questo articolo, sveliamo i nostri consigli per aumentare la produzione di fragole della tua pianta di fragole.

Come aumentare la produzione di fragole?

fragole

Se ti piace coltivare le fragole nel tuo giardino o nel tuo orto, sai che questi frutti rossi richiedono attenzioni particolari. Ecco due suggerimenti che ti permetteranno di raccogliere quante più fragole possibile:

Leggi anche: Come innaffiare correttamente un corbezzolo? La guida passo passo

Tritare le fragole per avere una grande quantità di fragole

Per avere una grande quantità di fragole, può essere importante pacciamare. Questo processo consiste nel ricoprire il terreno con materiali che possono essere di origine organica o plastica. A seconda del materiale scelto, lo scopo della pacciamatura è eliminare le erbacce, regolare la temperatura e l’umidità del terreno, ridurre le annaffiature, nutrire il terreno o addirittura favorire la produzione di stoloni. Questi ultimi rappresentano steli la cui estremità ha una piantina, che una volta piantata nel terreno può sviluppare radici. Secondo il sito Web di Gerbeaud, le fragole preferiscono il legno triturato, un terriccio che può essere utilizzato per pacciamare le fragole. Molto compatto, aiuta a combattere gli indesiderabili e aumenta la produzione di fragole.

Rimuovi le foglie morte per favorire la crescita delle fragole

Dopo il raccolto, una pianta di fragole deve essere potata. Bisognerà tagliare le foglie secche ma anche quelle morte, ed eliminare gli stoloni. E per una buona ragione, il fogliame di una pianta di fragola può portare malattie e ospitare un certo numero di parassiti. Quando rimuovi quelle foglie indesiderate, gettale nella spazzatura e non usarle nel compost.

Che tipo di fragola dovresti scegliere per avere delle belle fragole?

fragole in mano

Esistono tantissime varietà di fragole in grado di soddisfare tutti i gusti. Le fragole rifiorenti come la Mara des bois, la Charlotte o la Reine des Vallées sono le più utilizzate per la coltivazione in casa. Anche se danno una produzione inferiore, possono essere accompagnati da un raccolto spalmato nel tempo. Quest’ultima generalmente dura da giugno fino alle prime gelate invernali. Tra le fragole non rifiorenti ricordiamo la Gariguette, la Rubis des jardins o la Magnum. Producono grossi frutti rossi molto dolci solo una volta all’anno, verso la fine della primavera o fino all’estate.

Leggi anche: Conficcare le unghie in un limone: il trucco preferito per salvare le piante del mio giardiniere

Come coltivare le fragole?

Per coltivare fragole, non è necessario essere un giardiniere professionista. Ecco i nostri consigli:

  • Scegli una posizione soleggiata e rimuovi le erbacce dalle tue piante
  • Per piantare le tue fragole in vasi o fioriere, scegli un contenitore con buchi poiché le fragole richiedono un terreno ben drenato.
  • Prepara una miscela di terra da giardino e terriccio per piantare le tue fragole prima di spargere il pacciame
  • Taglia i corridori che possono occupare troppo spazio e piantali quando vuoi avere nuove piante di fragole
  • Innaffia le tue piante ma lascia che il terreno si asciughi tra ogni annaffiatura
  • Rimuovi le foglie morte a fine stagione.

Leggi anche: Non buttare via questa parte della banana, “vale oro” usala in questi utilissimi modi