Il moscato è una delle piante più amate e apprezzate, sia in Romania che all’estero, grazie ai suoi fiori ricchi e colorati.

È una pianta un po’ pretenziosa, ma per essere spettacolare il geranio ha bisogno di un po’ di cure e… amore!

I gerani si sentono bene sia in vaso che nella terra del giardino, e oltre all’aspetto estetico hanno anche il ruolo di proteggervi da alcuni insetti.

Trucchi che se applicati, avrete gerani dai fiori ricchi nel vostro giardino o sul vostro balcone.

1. Il posto giusto

I moscerini amano gli spazi aperti e ben ventilati, ma lontani da forti correnti d’aria.

Assicurati che i gerani abbiano abbastanza spazio nel vaso per lo sviluppo.

Se le radici dei gerani fuoriescono dai fori di drenaggio del vaso, è il momento di spostarle in un vaso più grande.

Trasferiteli in fioriere o in vasi capienti, provvisti di fori per il drenaggio dell’acqua.

2. Acqua sufficiente, ma senza esagerare

Come tutte le piante da fiore, i gerani amano l’acqua, la luce e il sole. Quindi annaffiate i gerani regolarmente, ma non eccessivamente.

In estate annaffiate i fiori 2-3 volte a settimana, e se vengono tenuti al sole per diverse ore, dovete annaffiarli quotidianamente.

Evita di annaffiarli quando il sole è forte, perché li brucerai.

È ideale usarli al mattino o alla sera.

L’acqua migliore per l’irrigazione è l’acqua piovana.

L’acqua del rubinetto contiene molti fluoruri che non fanno bene alle piante.

3. Alla luce, ma non al sole

Se vuoi che le piante abbiano molti fiori, metti le fioriere in piena luce.

Non tenere i gerani all’ombra!

A parte il fatto che avranno pochi fiori, saranno più suscettibili alle malattie.

I gechi amano la luce, ma fai attenzione che il forte sole li bruci.

Pertanto, nelle calde giornate estive, sarebbe bene proteggerle con un ombrello o spostarle dalla luce solare diretta.

4. Fecondazione

Da aprile a settembre aggiungere del concime liquido all’acqua delle annaffiature.

Durante il periodo di crescita abbondante, potete concimare i gerani una volta alla settimana, a seconda delle raccomandazioni fornite e del produttore del fertilizzante che utilizzate.

La soluzione migliore è utilizzare del concime apposito per i gerani, ma se non avete molti vasi con i gerani potete mettere anche del concime per piante da fiore.

Rispetta le dosi consigliate dal produttore per il fertilizzante che utilizzi.

5. Pizzicare e tagliare

I gerani annuali, quelli che vediamo ovunque in vasi sospesi, non necessitano di un vero e proprio taglio.

Nel loro caso, rimuovete i fiori appassiti con la frequenza necessaria per stimolare la comparsa di nuovi germogli.

La pizzicatura è fondamentale se si desiderano gerani densi, con molti steli, sui quali cresceranno numerosi fiori.

Periodicamente, pizzica senza pietà la parte superiore dei germogli in modo che la pianta possa ramificarsi e crescere.

La pinzatura consiste nell’accorciare i rami al massimo di un terzo.

Immagini per gerani

I rami allungati, che non hanno foglie, possono essere pizzicati più di così.

Dopo la pizzicatura, appariranno nuovi steli dai germogli laterali.

Importante sapere è che i rami con i fiori non vengono pizzicati!

D’altra parte, i gerani perenni necessitano di potatura per fiorire magnificamente.

In questo caso, è importante tagliare i fusti delle vecchie piante a metà della loro altezza, per favorire la nascita di nuovi germogli.

A metà estate, terminato il periodo della fioritura, le piante vengono lasciate riposare per 5-6 settimane. Innaffiali meno spesso e smetti di concimarli.

Verso l’autunno eliminate i fiori e le foglie secche, e tagliate i rami lunghi in corrispondenza del primo nodo fogliare.

Si taglia un terzo dello stelo.

Se lo ritieni necessario, puoi potare più duramente la pianta in primavera, fiorirà più tardi, ma abbondantemente.

6. Parassiti e funghi

Se i vostri gerani sono stati invasi da parassiti o sono stati attaccati da funghi, la soluzione è rivolgersi a negozi specializzati che vi consiglieranno insetticidi e fungicidi a seconda della malattia.