L’Anthurium è una pianta originaria del Sud America nota per il fatto che i suoi fiori possono rimanere freschi e fiorire per settimane se adeguatamente curati.

La pianta è anche chiamata fiore del fenicottero, per la somiglianza del suo fiore con un fenicottero. Il genere comprende oltre 600 specie, di colore variabile dal rosso, rosa, bianco e viola al nero, giallo e arancione.

Cura delle piante di Anthurium

Questa pianta viene spesso regalata ai propri cari. I suoi fiori sono grandi e colorati e durano a lungo. Inoltre, non ha elevate esigenze in termini di fattori ambientali. Tuttavia, per poter sfruttare il più a lungo possibile la bellezza dei fiori, sono necessari alcuni elementi che aiutino la pianta a prosperare.

Eccoli:

Luce – la pianta necessita di uno spazio luminoso, senza essere esposta direttamente al sole. Può reggere anche in uno spazio con meno luce, ma non avrà lo stesso vigore.

Temperatura – è importante che, durante l’inverno, la pianta non rimanga a temperature inferiori a 15 gradi centigradi. Durante l’estate, la temperatura ottimale è compresa tra 25 e 28 gradi Celsius.

Terreno : il terreno ottimale per l’anturio ha un pH acido e molto ben drenato, quindi si consiglia un substrato di torba.

Il grado di umidità : la pianta prospera in spazi con un elevato grado di umidità.

Come annaffiare correttamente l’anturio

Essendo una pianta originaria delle zone tropicali, ama l’umidità, soprattutto quando è nel suo periodo di sviluppo, cioè dalla primavera alla fine dell’estate. Il terreno deve essere mantenuto umido, ma facendo attenzione a non raccogliere grandi quantità d’acqua alla base, altrimenti le radici e il fusto potrebbero marcire.

Nel periodo autunno-invernale la pianta va annaffiata meno spesso. Per evitare un’irrigazione eccessiva, si consiglia di spruzzare acqua sulle foglie o di un ottimo drenaggio alla base del vaso.

Per avere più fiori possibili potete aiutare la pianta con apposito concime per fiori . Il trattamento viene effettuato durante il periodo di fioritura.

L’Anthurium può essere trapiantato una volta ogni due anni, durante la primavera, in un vaso più grande. Dopo il trapianto annaffiate abbondantemente, facendo attenzione che il processo di drenaggio avvenga correttamente.

La pianta è abbastanza resistente alle malattie e ai parassiti , anche se è vulnerabile al pidocchio lanoso quando viene annaffiata eccessivamente.