Fare il compost è uno dei modi più semplici per avere fertilizzante naturale. È realizzato con l’ausilio di avanzi di cibo che, normalmente, getteremmo nella spazzatura. Non solo otterremo fertilizzanti, ma ridurremo la quantità di rifiuti, un problema che gli specialisti ambientali stanno cercando di combattere.

Da cosa si può fare il compost?

Uno dei vantaggi del compostaggio è che gli scarti di cibo e vegetali non finiscono più nella discarica, ma vengono invece trasformati in qualcosa di estremamente utile per i giardinieri di casa. Sostituire i fertilizzanti commerciali è estremamente importante per garantire prodotti da giardino di buona qualità.

Così, per il compost possiamo utilizzare scarti vegetali, erba tagliata, foglie cadute, gusci d’uovo, chicchi di caffè, fiori, pane, segatura, gusci di noci, legno sminuzzato o letame, che è anche un’azione estremamente responsabile nei confronti dell’ambiente.

Attento! Non utilizzare materiali in vetro e metallo, pietre, plastica, cenere di carbone, erbacce con semi, giornali e riviste colorate, avanzi di cibi cotti, ossa e scarti di carne o prodotti sanitari.

Il ruolo del compost è quello di trattenere l’acqua e nutrire il terreno con materiale organico. Inoltre, può prevenire la trasmissione di malattie attraverso il suolo, aumentando la resistenza agli agenti patogeni. I nutrienti aiutano le piante a crescere più vigorosamente senza comprometterne la qualità o il gusto.

Modi di compostaggio

Il compostaggio può essere effettuato attraverso diverse tecniche, tra cui:

Il compostaggio a freddo – detto anche compostaggio anaerobico, consiste nella sovrapposizione di strati di 15-20 centimetri di azoto con quelli ricchi di carbonio. Ogni strato deve essere annaffiato abbondantemente e il mucchio viene girato ogni mese per l’aerazione. Il completamento del processo avverrà dopo 6-12 mesi.

Compostaggio a caldo – chiamato anche “metodo aerobico” o metodo Berkeley, che si completa in 18 giorni, utilizzando molti materiali carboniosi – 25 parti di residui vegetali carboniosi per una parte di residui ricchi di azoto. Per un risultato ottimale, il tavolo di compostaggio dovrebbe avere una temperatura compresa tra 55 e 65 gradi Celsius e il cumulo dovrebbe essere alto 1,5 metri.

Inizialmente i materiali vengono disposti a strati alterni, con un’altezza di 5 cm, fino a raggiungere la pila di 1,5 m. Gli strati si bagnano e poi si rivoltano dopo 4 giorni. Il giorno 6, i lati della pila vengono aperti e utilizzati per creare una nuova pila. La restituzione viene effettuata ogni 2 giorni, fino alla comparsa dei lombrichi che annunciano il completamento del processo.

Strumenti utili

compost

Il contenitore in cui vengono raccolti gli scarti alimentari e vegetali si chiama composter. Solitamente è costituito da una capiente scatola di legno.

Cesoie

Questo strumento è indispensabile per gli appassionati di giardinaggio, estremamente utile per rimuovere i rami secchi degli alberi . Le cesoie devono essere di buona qualità e ben affilate per tagliare i rami al primo tentativo. Inoltre necessita di essere disinfettato spesso.

Strumento di fusione

Il compost deve essere mescolato e girato di tanto in tanto, quindi è importante avere un utensile a portata di mano.