Press ESC to close

Come salvare un’orchidea morente con il trucco della spugna?

Belle, profumate e affascinanti, le orchidee sono sempre più diffuse nei nostri interni. Sebbene esistano molte specie e varietà, la pianta più apprezzata è l’orchidea phalaenopsis o “orchidea falena”. Unico con i suoi fiori colorati, la sua forma incomparabile e il suo profumo delicato, ha esigenze molto specifiche, in particolare in termini di irrigazione, luce, temperatura e compost. Tuttavia, a volte, nonostante tutte le cure che gli vengono prestate, le sue radici possono deteriorarsi, le foglie cadono e i fiori appassiscono.

Sei preso dal panico al pensiero di vederne i petali cadere giorno dopo giorno? Forse la tua orchidea non è abbastanza annaffiata. Devi sapere che l’irrigazione è un parametro da non trascurare per mantenere in vita questa pianta. A seconda delle stagioni e del cambiamento di temperatura, è importante sapere come misurare l’assunzione di acqua. Infatti, basta commettere certi errori di irrigazione perché le radici si danneggino o marciscano. Purtroppo con il passare del tempo, se non viene curata adeguatamente,  la pianta può morire .

Fortunatamente, per salvare un’orchidea che è sul punto di morire esistono diverse soluzioni molto risolutive, tra cui il famoso trucco della spugna che vi sveleremo in questo articolo.

Vediamo insieme come salvare un’orchidea secca con consigli pratici e veloci.

Radici secche

Il trucco della spugna per salvare l’orchidea

Le radici della tua pianta sembrano secche o marce? Per comprendere questi inconvenienti bisogna cercare di determinare da dove proviene l’origine del problema e intervenire il più rapidamente possibile per cercare di salvare l’orchidea. Se non agisci rapidamente, potrebbe essere troppo tardi! Ricorda, più a lungo ritardi le cose, meno è probabile che la pianta sopravviva.

  • Potare le radici

Il verdetto è chiaro:  le radici della tua orchidea stanno  davvero soffrendo. Bisogna quindi togliere subito la pianta dal vaso. Quindi potare le radici marce o secche utilizzando cesoie sterilizzate. Durante questa operazione ricordatevi di eliminare solo le radici che vi sembrano completamente secche o marce, lasciando intatte tutte le altre.

  • Metti una spugna

A questo punto hai eliminato la parte “malata” della pianta, ma sicuramente la tua orchidea non potrà sopravvivere senza radici! È quindi necessario dargli una seconda ventata permettendogli di mettere nuovamente radici. Per fare questo, la soluzione in spugna arriva al momento giusto!

Prendi una spugna per piatti e legala alla base della tua orchidea. Mettete poi il tutto in un bicchiere riempito solo con un dito d’acqua. In questo modo la spugna fungerà da habitat naturale affinché l’orchidea possa produrre nuove radici.

  • Rinvasare la pianta

Dopo 2 o 3 settimane sarai sollevato nel vedere che le radici si sono sviluppate. Ora è il momento di rinvasare la pianta in un vaso e terreno adatti. Iniziare ad annaffiare con parsimonia, mantenendo il terreno sempre umido ma mai completamente bagnato. Precisamente , per mantenere il livello di umidità e favorire la crescita dell’orchidea, non dimenticate di spruzzare un po’ d’acqua sulle foglie ogni 3 o 4 giorni.

  • Precauzioni

Per sperare in risultati promettenti, sappiate che il trucco della spugna è molto più favorevole durante i mesi caldi. Se lo applichi in autunno o in inverno, le possibilità di successo saranno molto inferiori. Ricordatevi inoltre di posizionare la vostra orchidea in un luogo sufficientemente luminoso, senza esposizione diretta al sole.

Prendersi cura di un'orchidea

Radicazione con torba e sabbia

Ecco un metodo alternativo e più tradizionale che consentirà alla tua orchidea di generare nuove radici. Si tratta di radicarlo in un vaso con torba e sabbia.

Istruzioni per l’uso: eliminare già tutti i fiori appassiti. Dopo alcuni giorni, pota le radici marce o secche prima di far radicare la piantina. Oltre alla torba e alla sabbia è molto utilizzato anche il muschio di sfagno, che crea un substrato perfetto per la produzione di nuove radici. Per sperare in una nuova crescita armatevi di molta pazienza. Ci vogliono circa due o tre mesi perché la tua orchidea fiorisca di nuovo!

Prevenzione: alcune regole fondamentali da seguire per prendersi cura di un’orchidea

Il modo migliore per mantenere in vita la tua orchidea è, ovviamente, evitare di danneggiarne le radici.

Ecco i parametri importanti da tenere in considerazione:

  • Irrigazione regolare

Trattandosi di una pianta di origine tropicale, per l’orchidea è fondamentale l’irrigazione. Quando noti che è appassito, ingiallito o addirittura annerito, non è stato annaffiato correttamente. O troppo o non abbastanza. È importante trovare il giusto equilibrio tra acqua in eccesso e terreno troppo secco!

In primavera ed estate, annaffia la tua orchidea con maggiore frequenza: il segreto è saggiare il terreno e aggiungere acqua ogni volta che risulta troppo secco o non più umido. Il miglior metodo di irrigazione  è immergere la piantina in una bacinella o affondare con acqua e lasciarla in ammollo per 15-20 minuti. Ciò consente all’orchidea di assorbire solo la quantità di acqua di cui ha realmente bisogno.

Nota  : anche un’irrigazione eccessiva può essere fatale per la tua orchidea. Basta osservare attentamente le radici per misurare il fabbisogno d’acqua. Se noti che stanno diventando grigie, allora devi annaffiare di più. Altrimenti annaffiature abbondanti sono utili solo una volta alla settimana.

Innaffiare un'orchidea
  • Vaso trasparente

Ricordatevi di utilizzare sempre per la vostra orchidea un vaso chiaro o trasparente, così potrete sempre verificare lo stato delle sue radici. Questi ultimi, se entrano in contatto diretto con la luce, diventano più forti e più sani. Scegli quindi un vaso di plastica che lasci passare i raggi del sole: le radici seccheranno prima e saranno meno fragili.

  • Posizione adatta

Per il benessere della tua orchidea, opta per un luogo luminoso, ma senza esposizione diretta al sole. L’umidità ambientale non deve essere inferiore al 60%. Idealmente, consigliamo un luogo in bagno o in cucina dove l’umidità è generalmente più elevata.

  • Fertilizzante

Sappi che esistono fertilizzanti specifici per le orchidee. Perché a volte è necessaria una certa alternanza di minerali: durante la crescita delle foglie sarebbe più consigliabile un concime azotato, mentre durante la fioritura preferiamo un compost più ricco di potassio.

Prendendo alla lettera tutte queste precauzioni ed essendo perfettamente attento alla crescita delle tue orchidee, non dovrai più preoccuparti. Continueranno a valorizzare i tuoi interni rimanendo freschi e radiosi di bellezza!