Per crescere in modo sano, le piante d’appartamento hanno bisogno di nutrienti. Da qui l’importanza di concimarle, soprattutto durante il loro periodo di crescita. Per questo, puoi privilegiare fertilizzanti naturali come fondi di caffè o scorze di agrumi, o anche usare i capelli che trovi nella tua spazzola. Potrebbe sorprenderti, ma i tuoi capelli sono un fertilizzante naturale che nutre le piante. Ti diciamo di più.

Per consentire alle tue piante di crescere in modo sano e favorire la fioritura, è importante concimarle. Questo aiuta a fornire loro i nutrienti di cui hanno bisogno. Per questo, puoi usare i tuoi capelli fragili che cadono durante la spazzolatura.

È possibile mettere i capelli trovati sul pettine nel vaso della pianta?

ciuffo di capelli

Invece di buttare via quel ciuffo di peli che trovi sul pettine dopo esserti spazzolato i capelli, pensa a donarlo alle tue piante. Questo perché  i capelli sono ricchi di sostanze nutritive benefiche per le piante,  come l’azoto. È un nutriente essenziale per le piante. Promuove la crescita delle piante  e le aiuta a produrre nuovi tessuti. 

Leggi anche: Come eliminare i capelli incastrati nello scarico della doccia?

Puoi fertilizzare le tue piante in vaso con i tuoi capelli in due modi diversi.

Usare i capelli come fertilizzante a lenta cessione

Questo metodo prevede  di seppellire direttamente il ciuffo di capelli  che trovi sul pettine nel terriccio delle tue piante in vaso. Poiché i capelli impiegano molto tempo a decomporsi, è consigliabile posizionarli sotto piante  a ciclo vitale lungo,  in modo che possano sfruttare il lento rilascio di azoto e zolfo. Questo è particolarmente vero per cipolle, porri, zucchine o persino rape.

piante in vaso

Usare i capelli per arricchire il compost

Il secondo metodo consiste nel mescolare i capelli con il compost che aggiungi alle tue piante d’appartamento. Composto da scarti vegetali e materia organica,  il compost è anche un buon fertilizzante per le piante.  Questo deve essere costituito da una parte di materiali carboniosi, come foglie morte,  e due parti di scarti azotati  come bucce di frutta o scarti vegetali. Ricchi di azoto e proteine, i capelli sono un materiale organico che può essere aggiunto al compost  per arricchirlo di sostanze azotate.

Nota che non dovresti concimare le tue piante  con peli colorati o trattati chimicamente. Le tue piante potrebbero effettivamente assorbire le sostanze chimiche contenute nei tuoi capelli.

Suggerimento: il pelo è un buon repellente per tenere lontane talpe, lepri o cervi. Puoi usarli nel tuo orto o ai piedi dei tuoi alberi da frutto.

Leggi anche: 50 tagli di capelli di media lunghezza più trendy del 2023

Oltre ai capelli, quali altri materiali organici possono essere utilizzati come fertilizzanti naturali?

Oltre al pelo ricco di azoto e proteine, puoi riciclare anche il pelo del tuo gatto o del tuo cane, le unghie tagliate o anche le piume del tuo canarino. Aggiungendoli al compost vi permetterà di arricchirlo,  in modo da concimare al meglio le vostre  piante in vaso, ma anche le piante del giardino ornamentale o dell’orto.

Il ciuffo di peli che trovi nella tua spazzola può essere riciclato e utilizzato come fertilizzante naturale per le tue piante in vaso, oppure per arricchire il compost con materiali azotati.

Leggi anche: 36 tagli di capelli alla moda per uomini di 20, 30, 40 e 50 anni che vogliono apparire al meglio nel 2023