Spaghetti, penne, fusilli, maccheroni… A chi non piace mangiare la deliziosa pasta italiana? È uno dei piatti più popolari in tutto il mondo. Inoltre, è semplice, economico e veloce da preparare. Non c’è bisogno di essere un cuoco esperto per inventarlo. Eppure, non fraintendetemi, dietro la struttura a volte si nascondono piccole insidie ​​che possono complicare le cose. Inaspettatamente, anche quando si prepara una pasta semplice, si possono commettere degli errori durante la cottura. Senza contare queste abitudini culinarie che hanno i denti duri. Versi sempre un filo d’olio nella padella? Per che cosa ?

Cucinare un buon piatto di pasta   può sembrare del tutto banale e innocuo. Questo non impedisce ad alcune persone di ritrovarsi con una pasta appiccicosa, farinosa o al contrario troppo dura. Sì, a volte ci vogliono arte e tecnica per cucinare con successo al dente. In genere, siamo convinti di dover aggiungere qualche goccia d’olio all’acqua di cottura per evitare che la nostra pasta si attacchi al fondo della padella. Scoop del giorno: è totalmente inutile, dato che non cambia assolutamente nulla. E non a caso, come sicuramente noterai ogni volta, l’olio si trova sulla superficie dell’acqua e quindi non viene a contatto con i tuoi spaghetti. Ti diciamo di più.

Aggiungere olio all’acqua di cottura della pasta, buona o cattiva idea?

Pasta in acqua bollente

Contrariamente a quanto si crede, non è necessario aggiungere olio all’acqua di cottura della pasta. Sarebbe uno spreco completo, quindi d’ora in poi risparmia petrolio. Se non volete che la pasta si attacchi in padella, basta cuocerla in abbondante acqua salata: 1 litro d’acqua e circa 2 g di sale per 100 g di pasta secca.

Leggi anche: Perché la pasta va cotta due minuti in meno? Il segreto di un grande chef italiano

L’uso dell’olio d’oliva sarà di vero interesse solo quando la pasta sarà cotta e mescolata con la salsa. Questo filo d’olio porterà saporiti aromi al tutto: il sugo potrà così sposarsi armoniosamente con spaghetti o penne.

Errore comune da non commettere più: svuotare l’acqua di cottura della pasta nel lavello. Dovete sapere che quest’acqua, soprannominata “oro liquido” dagli esperti culinari, è utilissima per esaltare il vostro condimento. In effetti, questo liquido è esattamente ciò di cui hai bisogno per l’emulsione, risultando in una  salsa  liscia come la seta con la consistenza perfetta.

Un piccolo consiglio  : per evitare che la pasta si attacchi alla padella, assicuratevi di rispettare sempre il tempo di cottura. Perché se cuociono a fuoco lento più del previsto, l’amido che contengono potrebbe rilasciare una grande quantità di amilosio. Quest’ultima è una sostanza molto appiccicosa che aggroviglia la pasta durante la cottura.

Gli errori più comuni durante la cottura

  • Guarda il tempo di cottura

Se il pacchetto dice 10 minuti per cucinare, non cercare oltre. È sempre consigliabile seguire attentamente queste istruzioni per rendere la vostra pasta un successo. Poi scolateli bene e tenete da parte l’acqua di cottura per amalgamarla al sugo .

Leggi anche: Ecco perché è fondamentale non gettare più l’acqua di cottura della pasta nel lavello

  • Rimuovere il coperchio

Usa il coperchio per coprire la padella solo fino a quando l’acqua bolle. Quindi, una volta che hai gettato la pasta, non coprirla.

Cinque consigli per cucinare al meglio la pasta

Pasta ben cotta

  • Usa una pentola capiente. Man mano che la pasta cuoce e si espande, se non c’è abbastanza acqua, diventerà inevitabilmente morbida e appiccicosa, quindi è sempre meglio puntare su una quantità sufficiente di acqua!
  • Prima di portarlo a ebollizione, mettete nella pentola dell’acqua fredda e senza olio. Aggiungere il sale solo quando l’acqua inizia a bollire.
  • Alcuni specialisti consigliano di togliere la pasta quattro minuti prima di quanto indicato sulla confezione, in modo che finisca di cuocere una volta mescolata al sugo. Saranno perfettamente al dente.
  • Altra cattiva abitudine da bandire: mai bagnare la pasta cotta e scolata con acqua fredda! Risciacquarli rischia di interrompere l’azione dell’amido che permette alla salsa di aderire meglio.
  • Evita di gettare l’acqua di cottura nel lavandino. Anche se il suo aspetto bianco e pastoso non ispira troppa confidenza, come dicevamo sopra, è un liquido indispensabile per sublimare la salsa.L’amido rilasciato è un emulsionante e addensante. Pertanto, conservando quest’acqua e aggiungendola alla salsa, si mescolano i liquidi e gli oli, il che favorisce la sua consistenza densa e cremosa.

Leggi anche: Il segreto degli italiani perché la pasta non si attacchi più. Tutti commettono questo errore