In previsione della stagione della semina, ho deciso di condurre un esperimento affascinante che, sebbene semplice, ha richiesto tempo. Mi interessava la risposta alla domanda: i semi di pomodoro di un normale negozio possono germogliare allo stesso modo dei semi specializzati per piantine, o sono così geneticamente modificati da non essere più in grado di vivere?

Due settimane fa ho acquistato quattro pomodori da un negozio locale. A casa ho scelto quello più maturo e l’ho tagliato a pezzetti. Prese un pezzo dal centro del pomodoro e lo mise in un vaso di terra, dopodiché lo riempì e lo annaffiò, aspettando un miracolo.

Il giorno dopo ho trovato i pomodorini in frigorifero. Erano rimasti nel bicchiere di plastica per un bel po’ di tempo e avevano cominciato a raggrinzirsi.

Avendo deciso che non servivano più, li ho piantati anche per scaramanzia, ripetendo il procedimento e ponendo il vaso sotto un fitolamp.

Una settimana dopo iniziarono ad apparire i primi germogli. La sera del 7 aprile erano già evidenti e al mattino erano completamente usciti. Ogni giorno spuntavano nuovi germogli. È stato stupefacente!

Sfortunatamente non sapevo che tipo di pomodoro fosse. Anche i ciliegi germogliarono con successo, sebbene fossero meno numerosi. Ma il loro tasso di crescita era paragonabile a quello dei germogli di altri pomodori.

Dopo cinque giorni, i germogli erano cresciuti notevolmente ed erano pronti per essere ripiantati.

In un vaso di pomodorini, alcuni germogli hanno smesso di crescere, lasciandone solo quattro sani.

Ho intenzione di piantare le piante più forti in una serra della dacia e continuare l’esperimento. Immaginate la mia sorpresa se daranno frutti!

Oggi ho trapiantato i germogli in vasi separati.

Molto probabilmente ne regalerò uno agli amici, visto che non mi servono così tanti pomodori. Ho anche deciso di andare sul sicuro e di piantare un’altra varietà di pomodori dai semi provati in caso di circostanze impreviste.