Press ESC to close

Perché devi immergere il costume da bagno nell’acqua di aceto?

Che tu lo abbia tirato fuori dall’armadio o te ne sia appena comprato uno nuovo, il costume da bagno rimane l’uniforme definitiva per la stagione estiva. Sono disponibili in tutte le forme e colori. In più, continua ad evolversi nel tempo secondo la fantasia dei designer che raddoppiano la loro creatività per soddisfare al meglio chi li indossa. E poiché le collezioni beachwear sono tutte più attraenti una dell’altra, siamo inevitabilmente attratti dai modelli più glamour o da quelli più originali. Quando si acquistano nuovi costumi da bagno, quelli vecchi vengono quasi dimenticati. Questi ultimi ci appaiono subito spenti e logori. Ma una cosa è certa, nessun pezzo, anche il più resistente o il più costoso, è al sicuro da certi danni causati dal sole, dall’acqua di mare, dalla sabbia, dal cloro o anche dalle macchie di monoi. . Se non ti prendi cura dei tuoi costumi da bagno, non dureranno a lungo!

Naturalmente il fascino della novità è perfettamente legittimo. Ogni estate senti il ​​desiderio di acquistare un modello ancora più trendy. Solo che non indosserai lo stesso per tutta la stagione. E dal punto di vista del budget, sale abbastanza rapidamente! Anche i tuoi vecchi faranno il trucco. Solo che hanno perso lucentezza ed elasticità? Se i tuoi costumi da bagno non durano nel tempo, probabilmente è perché stai commettendo alcuni errori fatali. È tempo di cambiare le tue vecchie abitudini per prendertene più cura. A parte le aggressioni esterne, questi capi delicati subiscono parecchie sollecitazioni durante il lavaggio. Sapevi in ​​particolare che è fondamentale sciacquarli dopo ogni nuotata per rimuovere tutto lo sporco intrappolato nel tessuto? Consigliamo anche il lavaggio manuale anziché il lavaggio in lavatrice. Scopri come l’aceto bianco ti aiuterà a recuperare i tuoi vecchi costumi da bagno. Potrebbe sorprenderti, ma questo detergente naturale eliminerà efficacemente gli odori sgradevoli e tutte le macchie ostinate.

Costume da bagno

Perché immergere il costume da bagno nell’aceto bianco?

Il costume da bagno è l’accessorio per eccellenza per la stagione calda. Possiamo immaginare che non vedi l’ora di indossarlo per fare un tuffo in spiaggia o in piscina. Tuttavia, molti di voi preferirebbero di gran lunga regalarsi modelli nuovi, molto più moderni che profumano di nuovo, piuttosto che ripescare quelli vecchi dal fondo dei cassetti. Ed è un peccato perché non sono da buttare via. C’è sempre un modo per farli risorgere dalle ceneri.

Piccolo consiglio : ammettilo, le tue maglie dell’anno scorso non sono poi così male. Sono meno luccicanti e hanno perso la loro brillantezza? Nessun problema, esiste una soluzione ideale per riportare in vita la loro bella tavolozza di colori. Il tuo miglior alleato non è altro che il bicarbonato di sodio. Questa polvere bianca dalle proprietà straordinarie farà rivivere i loro colori in tempi record. In più, scaccerà tutti i cattivi odori. Tutto quello che devi fare è riempire una bacinella con acqua tiepida, versarvi un po’ di bicarbonato e immergervi i costumi da bagno. Lasciare in ammollo per qualche minuto e procedere con il consueto lavaggio. Il risultato è sorprendente!

I tuoi vecchi bikini sono incrostati di macchie ostinate? Hai provato di tutto, ma senza successo? C’è un rimedio che probabilmente non hai provato: l’aceto bianco. Come il bicarbonato di sodio, questo prodotto naturale è un formidabile detergente e smacchiatore che elimina rapidamente ogni tipo di macchia, anche le più persistenti. Come bonus, è anche sbiancante e deodorante. Per prolungare la vita dei tuoi costumi da bagno, questo è il consiglio ideale.

Lavare il costume da bagno

Come dovresti procedere?

Nelle piscine ci sono molti batteri e cloro, per non parlare del sale dell’acqua di mare e della sabbia che a lungo andare possono danneggiare i costumi da bagno. Qualunque cosa facciamo, non possiamo evitare tracce di creme solari o gli effetti dannosi dei raggi UV. Per proteggere i costumi da bagno, fissarne i colori, scacciare l’odore di muffa e prevenire la ruvidità del tessuto, puoi affidarti in gran parte all’azione dell’aceto.

Istruzioni per l’uso : è possibile imbevere un panno umido con il prodotto e strofinare delicatamente (senza fare pressione) le zone in cui sono visibili le macchie. Ma è possibile utilizzare l’aceto bianco anche come ammorbidente in lavatrice. Tieni presente che se opti per il lavaggio in lavatrice, non mescolare i costumi da bagno con altri vestiti, scegli il programma delicati e il ciclo di lavaggio a freddo. In ogni caso, per evitare di rilassare eccessivamente i tuoi capi, è sempre meglio lavarli a mano con un detergente delicato.

Attenzione : molte persone commettono l’errore di asciugare i costumi da bagno direttamente al sole. Questa è una pessima idea poiché i raggi possono sbiadire tutti i colori e danneggiare il tessuto. Per evitare di lavarli, scegli un luogo ombreggiato e non strizzarli prima di stenderli.

La piccola storia del costume da bagno…

Fu agli inizi del 1800 che l’acqua divenne una fonte di divertimento. Ma la pelle abbronzata era allora segno di povertà, mentre la carnagione bianca di porcellana incarnava il simbolo della grande nobiltà.

Nel 19° secolo tutti facevano il bagno completamente vestiti. Le donne cucivano persino delle pietre nei loro vestiti per evitare che svolazzassero. Da notare che i primi costumi da bagno erano fatti di lana. Nel 900 l’abito lungo era allora considerato il costume del mare e subito dopo apparvero modelli speciali per gli atleti del nuoto. Si trattava di tute attillate costituite da una maglietta con spalline larghe e pantaloni vicino al ginocchio.

Con l’evoluzione dei costumi, e nonostante le polemiche, fu nel 1946 che furono svelati i primi modelli di bikini, creati dall’ingegnere Louis Réard. Entra quindi in scena il costume da bagno a due pezzi che segna l’inizio di un’era completamente nuova. Certo il fatto di mettere a nudo l’ombelico non è piaciuto a tutti, alcuni sono rimasti addirittura scioccati. Ma questo costume da bagno incarnava un vento di libertà del tutto pionieristico nel mondo della moda.