Spesso, dopo aver fatto la pasta, versiamo l’acqua direttamente nel lavello. Tuttavia, questo è un errore perché ti permetterà di godere di un grande vantaggio: prenderti cura delle tue piante. Scopri come usarlo per avere dei bei raccolti!

Spesso l’acqua della pasta viene buttata nello scarico senza che riusciamo a goderne appieno i benefici. E per una buona ragione, oltre a prenderti cura delle tue piante, può permetterti di godere di altri vantaggi insospettati. È per questo motivo che è necessario conservarne alcuni il più spesso possibile!

L’acqua di cottura della pasta è utilissima per annaffiare le piante. Questa tecnica è poco conosciuta ma può dare nutrienti importanti alle tue piante  in vaso o seminate nel tuo giardino.

Leggi anche: Non buttare via le tue vecchie spugne per i piatti: possono proteggere e far crescere le tue piante

Perfetto come acqua per le piante

Cottura della pasta per l'acqua

È essenziale annaffiare le piante per mantenerle sane. Solo, non è necessario utilizzare acqua minerale o acqua del rubinetto.

Potete riciclare l’acqua di cottura della pasta, che prima deve essere lasciata raffreddare. Non va utilizzato se precedentemente salato.

Quando queste condizioni saranno soddisfatte, dovrà essere versato in un annaffiatoio per irrigare le tue piante.

Noterai i benefici in poco tempo perché l’ acqua  in questione è ricca di amido e sali minerali. Quindi fertilizzerai il terreno senza usare fertilizzanti!

Leggi anche: Quali piantine piantare a febbraio 2023?

Riciclare l’acqua di cottura della pasta

Irrigazione delle piante

Esistono diversi modi per riciclare l’acqua di cottura della pasta.

  • Dai lucentezza ai tuoi capelli: sembra un trucco insolito ma funziona. Con l’acqua della pasta puoi dare ai tuoi capelli una bella lucentezza. Per fare questo, versa con cura l’acqua raffreddata sopra la testa. I capelli devono essere completamente bagnati in anticipo. Lascia riposare l’acqua per dieci minuti. Quindi risciacquare con acqua pulita o con uno shampoo delicato.
  • Legumi in ammollo: lenticchie, fagioli, ceci… molti legumi devono essere messi in ammollo prima della cottura, preferibilmente durante la notte. Questo accorcia i tempi di cottura, fa risparmiare energia e, soprattutto, rende questi alimenti più digeribili. Invece di usare l’acqua, puoi anche metterli a bagno nell’acqua della pasta.
  • Uso per zuppe e stufati: come per le salse, puoi anche aggiungere acqua di cottura a qualsiasi zuppa o stufato. Per fare questo basta versarvi dentro l’acqua della pasta. L’amido nell’acqua addensa un po’ la zuppa.
    Minestra
  • Sgrassare le stoviglie: Pulire le stoviglie sporche con l’acqua di cottura della pasta permette di utilizzare pochissimo sapone e di ottenere stoviglie perfettamente sgrassate e lucide. Basta riempire il lavello con l’acqua di cottura, lasciare in ammollo le stoviglie per qualche minuto e poi sciacquarle con una spugna e detersivo per piatti.

Leggi anche: 5 applicazioni mobile per riconoscere facilmente le piante