L’aloe vera è diventata una delle piante d’appartamento più popolari al mondo. Oltre al suo aspetto estetico, questa pianta è resistente e di facile manutenzione. Ricco di acqua, vitamine, enzimi, zuccheri e sali minerali, è un vero e proprio tesoro per la salute. I suoi effetti medicinali sono stati ampiamente dimostrati. Ma dietro tutti i suoi vantaggi, c’è un grosso inconveniente: la sua crescita è molto lenta, le sue foglie possono impiegare dai tre ai quattro anni a maturare per estrarre il suo gel miracoloso. Ma a proposito, come potrebbe la banana essere utile alla tua Aloe Vera? L’associazione può sembrarti improbabile, ma c’è una spiegazione molto interessante.

Scoperta 6000 anni fa dagli Egizi , l’Aloe Vera  fu allora chiamata “la pianta dell’immortalità”. Solo quello ! Basti pensare che fin dalla notte dei tempi questa pianta medicinale ha offerto molteplici benefici per la salute. È usato per curare ferite, malattie della pelle, asma, epilessia… per non parlare del fatto che lenisce le ustioni e la psoriasi. Idratante, rilassante e ammorbidente, è anche molto popolare per la cura della pelle e per i trattamenti dei capelli. Proprio per sfruttarne tutte le virtù e per favorire il processo di crescita, gli esperti di giardinaggio a volte optano per metodi originali e insoliti. Uno di questi è coltivarlo all’interno di una banana, come se fosse un vaso. Ti diciamo di più.

Come estrarre il gel di Aloe Vera?

Aloe Vera

Per sfruttare i suoi numerosi effetti medicinali, è importante sapere come raccogliere questa pianta succulenta per estrarre il gel liquido che si trova all’interno delle foglie.

Leggi anche: Guida pratica per piantare i semi di limone in vaso

Devi sapere che questo gel ha notevoli proprietà antibatteriche e antiossidanti. È noto per alleviare le scottature solari, le punture di insetti e tutti i tipi di ustioni. Certo, si trova facilmente nelle erboristerie o negli ipermercati. Unico problema: un vaso di qualità è piuttosto costoso. E soprattutto attenzione, perché molto spesso si può acquistare un gel miscelato con additivi o troppo diluito. Non avrà quindi l’effetto realmente sperato!

Nel frattempo, se ne hai piantato un po’ in casa ed è tempo di raccolta, ti guideremo attraverso i passaggi per estrarne il gel.

  • Prima di tutto bisogna tagliare le estremità delle foglie completamente mature. Non puoi perderli, sono piuttosto grandi (circa 20 cm) e molto spessi poiché contengono un’alta concentrazione di gel. Tagliarli con molta attenzione.
  • Noterai immediatamente una sostanza giallastra che inizia a fuoriuscire dal foglio. Questa è la linfa, non il gel. Parliamo più nello specifico dell’aloina, un liquido dal formidabile effetto lassativo. Oggi è poco utilizzato nel campo della salute perché questo prodotto è considerato tossico e irritante, con molti effetti collaterali.
  • Ti consigliamo quindi di rimuoverlo completamente in modo che non venga a contatto con il gel. Per fare ciò, installa il foglio verticalmente in un bicchiere o in una ciotola. Quindi immergere il lenzuolo in acqua o sotto il lavandino per un po’. Il tempo in cui la linfa scompare completamente. Non esitate a strofinarlo manualmente per facilitare la pulizia.
  • Ora che il lenzuolo è completamente pulito, non vi resta che togliere le spine spinose dai bordi, facendo attenzione a non farvi male!
  • Questo è il momento più delicato dell’operazione: bisogna asportare la pelle per estrarre il gel di Aloe Vera. Aiutati con un tagliere. Appoggia il foglio piatto e usa un coltello affilato. Vai molto lentamente, non avere fretta. Su entrambi i lati del foglio, è necessario rimuovere la pelle sottilmente per evitare di sprecare il gel.
  • Una volta completato questo passaggio, ora tieni tra le mani questo famoso gel dalla consistenza viscosa ma comunque densa. Assicuratevi che non ci siano più piccoli residui verdi dalla foglia e verificate che non contenga alcuna traccia di aloina.
  • Una volta ben pulito, taglia questo gel trasparente in piccoli pezzi e installali in un contenitore che puoi conservare in frigorifero, lontano da fonti di calore. Puoi persino conservare il gel nel congelatore per un anno intero!

Perché mettere l’Aloe Vera nelle banane?

Banana

Ora che sai come estrarre il gel dalla pianta. Capirete perché l’idea di mettere l’Aloe Vera nella banana è particolarmente azzeccata. E questo, anche se ti sembra un po’ assurdo!

Quello che devi sapere, infatti, è che la pianta di Aloe Vera non può far crescere nuove foglie. Ecco perché è molto importante imparare a tagliarli correttamente.

Tuttavia, la banana è proprio il frutto ideale per coltivare una nuova pianta. Concretamente, fungerà da vaso per dare vita alle radici. Tieni la banana con la sua buccia, quindi fai un piccolo cerchio al centro. Qui è dove inserirai un pezzo di aloe vera. Lascialo per almeno un giorno.

Il frutto diventerà quindi marrone. Ma, rimuovendo il pezzo di aloe vera dalla banana  , vedrai che la pianta rivela diverse nuove radici. Puoi quindi trapiantarlo in una miscela di terriccio sabbiato e compost. Questo ti farà risparmiare un sacco di tempo: noterai che la tua nuova pianta di aloe vera cresce giorno dopo giorno!

Alcuni ingredienti naturali per nutrire la tua pianta di Aloe Vera

barattolo di aloevera

Se vuoi stimolare la crescita della tua Aloe Vera, non c’è bisogno di spendere troppo. Ecco alcuni suggerimenti naturali che sono molto efficaci.

  • Sapevi che i gusci d’uovo sono  ottimi per le piante? Invece di buttarli via, schiacciali con una forchetta e mescolali al terriccio. Grazie ai loro numerosi nutrienti (calcio, magnesio, zinco, ferro, silicio, ecc.), aiuteranno la pianta ad avere una crescita sana e forte.
  • Il tè nero o qualsiasi tè naturale è anche molto adatto per nutrire l’Aloe Vera e fornirle tutti i nutrienti e i minerali di cui ha bisogno.
  • Contrariamente a quanto potresti pensare, l’olio di cocco non ha alcun beneficio nutrizionale per la tua succulenta. Si applica soprattutto sulle foglie per soffocare eventuali parassiti che vanno in letargo nella tua pianta durante l’inverno. Questi ultimi non sopportano l’odore, si sentono subito intossicati e non si riprendono più.

Avvertimento

Se l’Aloe Vera è ricchissima di virtù per la salute, non è detto che sia adatta a tutti! Ci sono anche alcune controindicazioni.

Leggi anche: Come piantare una zecca? Guida per coltivarlo bene

Ecco le raccomandazioni da considerare:

  • La pianta di Aloe Vera è sconsigliata durante la gravidanza e l’allattamento.
  • Le persone con intestino fragile dovrebbero evitarlo per evitare certe irritazioni.
  • Allo stesso modo, non è raccomandato per le persone con diabete, in quanto può causare ipoglicemia.
  • Meglio non applicarlo ai bambini sotto i 12 anni.

Leggi anche: non compro più l’aglio al negozio. Il mio giardiniere mi ha detto come coltivarlo in grandi quantità