Hai mai pensato di mettere una pianta nella cameretta del tuo neonato? Oltre all’aspetto estetico per decorare la casa, alcune piante sono ideali anche per purificare l’aria dell’ambiente. Scopri in questo articolo 14 piante da interno che potrai tenere senza paura nella cameretta del tuo bambino.

Perché l’aria pulita è essenziale nella stanza del tuo bambino?

Siamo capaci di digiunare per settimane e di passare diversi giorni senza bere una sola goccia d’acqua, ma quando si tratta di trattenere il respiro anche solo per pochi minuti, è praticamente IMPOSSIBILE! Sembra che i  25.000 respiri giornalieri  siano vitali per la nostra sopravvivenza… E per i bambini, che sono ancora più vulnerabili, ogni respiro è essenziale per lo sviluppo dei loro polmoni.
Inoltre, come riportato dall’”American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine”,  ricercatori dell’Università di Washington  hanno rivelato l’esistenza di uno stretto legame tra l’esposizione dei bambini all’inquinamento atmosferico e il rischio che sviluppino in futuro malattie respiratorie … A sua volta, la “  Biblioteca Nazionale di Medicina  ” specifica che quando l’aria è pulita, i bambini piccoli possono dormire sonni tranquilli.

Quali piante da interno dovresti installare nella stanza del tuo bambino?

Alcune piante verdi sono rinomate per la loro capacità di purificare l’aria interna. Abbiamo messo insieme per te una selezione di 14 piante da serra che potrai mettere nella stanza del tuo bambino.
Ecco 14 piante purificanti che trovano il loro posto perfetto nella cameretta del tuo bambino o del tuo bambino. Queste piante disinquinanti favoriscono la purificazione dell’aria ambientale e  un sonno migliore.

1. Clorofito

La pianta ragno

Il Chlorophytum o pianta ragno è una pianta verde da interno con fogliame decorativo. Le sue virtù sono numerose. Robusta e di facile manutenzione, questa pianta perenne è ideale per purificare l’aria ambiente. Uno  studio  pubblicato sulla National Library of Medicine ha scoperto che la pianta ragno è in grado di rimuovere e purificare l’aria ambiente dai composti organici volatili.

Per informazioni

Se il giardinaggio non è il tuo forte, non preoccuparti, il Chlorophytum è facile da curare!

  • Dai alla tua pianta un’esposizione luminosa, ma evita il sole diretto.
  • La pianta ragno apprezza le temperature fresche, idealmente una temperatura di 18°C.
  • Non essere pesante quando innaffi la tua pianta. In primavera e in estate è sufficiente annaffiare una volta alla settimana. La pianta ragno può tollerare di dimenticare di annaffiare. Ridurre le annaffiature in inverno e lasciare asciugare il terreno tra due annaffiature.
  • Fertilizzare il clorofito due volte al mese durante il suo periodo di crescita.

2. Felce di Boston

Felce di Boston

La Nephrolepis o felce di Boston è una pianta tropicale perenne caratterizzata dalle sue fronde decorative.  Questa resistente pianta verde elimina formaldeide e germi presenti nell’aria, secondo uno  studio  pubblicato sulla NLM (National Library of Medicine).

Per informazioni

  • La felce di Boston ha bisogno di luce intensa e indiretta per prosperare. L’ombra può rendere opache le fronde e troppo sole può bruciarle.
  • La Nefrolepis necessita di terreno ricco di sostanza organica e drenante. Puoi utilizzare un impasto a base di torba e aggiungere perlite per favorire il drenaggio e prevenire la putrefazione delle radici.
  • Innaffia la tua felce una volta alla settimana in primavera ed estate e ogni due settimane in autunno e inverno. Fare attenzione che le fronde non si secchino.

3. La palma nana

La camaedorea

La chamaedorea elegans o palma nana è una piccola palma che può essere coltivata in ambienti chiusi. Le sue foglie non pruriscono ed è molto resistente. Questa pianta dal fogliame decorativo può durare a lungo! La particolarità della palma nana è che riesce a purificare l’aria circostante dal monossido di carbonio e dalle tossine.

Per informazioni

  • Mantieni la tua pianta in ombra parziale. Inoltre, le chamaedorea non hanno bisogno di molta luce per prosperare.
  • La palma nana apprezza un terriccio composto da torba, purché non si permetta al composto di decomporsi e di diventare spugnoso.
  • Questa palma è sensibile all’acqua in eccesso. Innaffiare solo quando il terreno è asciutto. Se il fogliame è ingiallito, significa che la tua pianta ha bisogno di acqua.
  • Chamaedorea è sensibile al freddo. Tenerlo lontano dalle correnti d’aria. Altrimenti, le punte delle foglie potrebbero diventare marroni.
  • Fertilizza la tua pianta con un fertilizzante liquido a bassa concentrazione una o due volte durante la stagione di crescita. Interrompere tutte le applicazioni di fertilizzanti in inverno.

4. Peperomia

Peperomia

La Peperomia è una pianta perenne che può essere rampicante o rampicante. Il suo fogliame variegato decorativo può assumere diversi colori come il verde-grigio, il verde chiaro o il crema. Questa pianta è in grado di eliminare la formaldeide presente nell’aria ambiente e ha, secondo lo stesso studio pubblicato sulla NLM, la più alta capacità di assorbimento di COV tra le altre specie di piante da interno studiate.

Per informazioni

La Peperomia può essere facilmente coltivata indoor in vaso.

  • Questa pianta tropicale dovrebbe essere esposta alla luce indiretta. Il sole diretto può bruciarne il fogliame. La Peperomia può sopravvivere in condizioni di scarsa illuminazione, ma non fiorirà e le sue foglie rimarranno piccole.
  • Per il substrato potete mescolare in parti uguali torba e perlite, oppure scegliere semplicemente un terriccio drenante, ma che sia un po’ umido. Evita il terriccio fatto per piante che amano il terreno asciutto come i cactus .
  • La Peperomia è sensibile all’eccesso di acqua, ma anche alla siccità. Innaffia il terriccio quando è asciutto.

5. La calatea

Calatea

Soprannominata pianta del pavone, la calathea è una pianta ornamentale perenne. Questa pianta tropicale non solo può assorbire le tossine dall’aria, ma può anche intrappolare la polvere presente nell’aria, grazie al suo fogliame ceroso.
Per mantenere correttamente questa pianta sono sufficienti semplici azioni.

Per informazioni

  • Posiziona la pianta lontano dalla luce solare diretta che può bruciarne il fogliame.
  • Scegli un terreno humus ricco di materia organica per la tua pianta. Puoi anche scegliere un terreno torboso aerato.
  • Innaffiare regolarmente per mantenere il terreno umido, ma non fradicio. Questa pianta tropicale ama l’umidità, ma non apprezza gli eccessi .
  • Durante la primavera, l’estate e l’autunno, concima la tua pianta con un fertilizzante liquido una volta al mese.

6. La pachira

Pachira

La pachira o albero della fortuna è una pianta dal fogliame decorativo, considerata nel Feng Shui cinese come una pianta che attira fortuna e positività. Secondo Joyce Mast, esperta di piante presso Bloomscape, questa pianta è nota  per rimuovere le tossine dall’aria circostante.  Oltre a ciò, non è tossico.

Per informazioni

  • Fornisci alla tua pianta una luce intensa e indiretta per almeno 6 ore al giorno. Gira la pianta quando la innaffi, in modo che tutta la pianta possa beneficiare della luce e garantire così una crescita uniforme.
  • Innaffia la tua pianta regolarmente, non appena il terreno si asciuga. La pachira apprezza l’umidità. L’albero dei soldi prospera quando riceve abbastanza acqua, ma fai attenzione all’eccesso. Può morire se lo innaffi troppo. Per evitare ciò, assicurati anche che il terriccio dreni bene.
  • La pachira ha bisogno di fertilizzante. Fertilizza la tua pianta una volta al mese durante la primavera e l’estate.

7. La pianta del serpente (lingua della suocera)

La lingua della suocera

La Sansevieria o lingua della suocera è una pianta succulenta perenne, facile da coltivare in casa. Secondo  Tyler Banken , architetto paesaggista e orticoltore, questa pianta è potente nel purificare l’aria e, per una buona ragione, rilascia ossigeno durante la notte.

Per informazioni

  • Resistente, la pianta del serpente tollera la siccità. Può sopportare di dimenticare di annaffiare.
  • La lingua della suocera ha bisogno di una quantità di luce sufficiente per garantire la sua corretta crescita. Questa pianta necessita di 8-10 ore di luce indiretta o 5-6 ore di luce solare diretta.
  • Scegli un terreno sabbioso per la tua pianta che favorisca il drenaggio. Anche un terreno speciale per cactus può fare al caso tuo.
  • Innaffia accuratamente la tua pianta  quando il terreno diventa asciutto  e una volta ogni due settimane durante la stagione di crescita, che è primavera ed estate. In inverno, la sansevieria necessita di acqua solo una volta al mese.

8. La dracena

Dracena

La dracaena è una pianta perenne nota per il suo fogliame decorativo lanceolato e spesso variegato. Resistente, questa pianta può essere facilmente coltivata come pianta d’appartamento.

Secondo  Gena Lorraine , orticoltrice ed esperta di giardinaggio, la dracaena è una pianta purificatrice che puoi tenere nella stanza del tuo neonato . Questa pianta verde è utile per eliminare benzene, formaldeide, tricloroetilene, xilene e anidride carbonica. Queste tossine provengono da vernici, detergenti, vernici o anche sgrassatori. Fai attenzione, la dracaena è tossica per gli animali domestici.

Per informazioni

  • La dracaena apprezza la luce brillante, ma indiretta.
  • Questa pianta verde cresce bene nel terreno a base di torba.
  • Durante la stagione di crescita, cioè dalla primavera all’autunno, annaffia la dracaena ogni settimana per mantenerla umida. In inverno è consigliabile distanziare le annaffiature.

9. Beaucarnea

Beaucarnea

La Beaucarnéa è una pianta succulenta da interno facile da coltivare. È soprannominato piede d’elefante in riferimento alla sua massiccia proboscide.

Questa pianta è considerata dalla NASA come una delle migliori piante nella purificazione dell’aria. Rilascia una quantità significativa di ossigeno ed elimina le tossine dall’aria come benzene, xilene o toluene. Queste tossine rendono l’aria ambiente inadatta alla respirazione.

Per informazioni

  • Questa pianta è facile da curare. Non richiede molta cura.
  • Beaucarnéa apprezza la luce indiretta brillante.
  • Questa pianta cresce bene nel terriccio per cactus, mescolato con torba.
  • Il fusto bulboso della pianta immagazzina l’acqua. Quindi non ha bisogno di molta acqua. Innaffialo ogni 7-14 giorni durante la stagione di crescita e concimalo una volta alla settimana. Durante l’inverno, innaffia la pianta una volta al mese.

10. Spatifillo

Lo spatifillo

Lo spathiphyllum, noto come giglio della pace, è una pianta da fiore resistente e di facile manutenzione. Aiuta a filtrare le tossine dannose come la formaldeide o il benzene, come affermato in questo  studio .

Per informazioni

  • Il giglio della pace necessita di un’esposizione luminosa, ma evita la luce solare diretta.
  • Scegli un terreno ricco e drenante per la tua pianta.
  • Fai attenzione a non innaffiare eccessivamente la tua pianta. Innaffiare quando il terreno è asciutto con acqua filtrata o distillata. Ridurre l’irrigazione in inverno.

Suggerimento aggiuntivo:  puoi lasciare riposare l’acqua del rubinetto per diversi giorni in modo che il cloro evapori, prima di annaffiare la pianta.

11. Edera

Edera

L’edera è una pianta rampicante perenne con fogliame decorativo. Chiamata anche edera, questa pianta cresce rapidamente ed è facile da curare.

L’edera è molto apprezzata per le sue proprietà depurative. È in grado di eliminare il benzene in 24 ore. E non è tutto! Può anche filtrare il monossido di carbonio, il toluene, la formaldeide e il tricloroetilene che inquinano l’aria ambiente, secondo lo stesso studio pubblicato sulla NLM. Questo impianto è anche in grado di eliminare le particelle di muffa sospese nell’aria ambiente.

Per informazioni

  • Per prenderti cura dell’edera, forniscile ombra parziale. Necessita di luce intensa e indiretta in estate, e diretta in inverno.
  • Coltiva la tua pianta in terriccio drenante e controlla se è asciutta prima di annaffiarla. L’edera non ama l’umidità stagnante.

12. Ficus elastica

Ficus elastica

Il ficus elastica detto anche ficus di gomma è una pianta da appartamento robusta, caratterizzata dal fogliame lucente. Facile da coltivare, è adatta a chi non ha il pollice verde. Questa pianta perenne ha diverse virtù.

Per informazioni

  • Previene la comparsa di muffe.
  • Elimina le tossine come monossido di carbonio e formaldeide.
    Attenzione: questa pianta è sconsigliata alle persone allergiche al lattice.
  • Il ficus apprezza la luce brillante e diffusa. Forniscila abbastanza luce, ma proteggila dai raggi diretti del sole, soprattutto nel pomeriggio.
  • Questa pianta originaria dell’Asia tropicale ama l’umidità e non tollera la siccità. Innaffialo frequentemente, ma non eccessivamente. Il terriccio non deve essere fradicio.

13. Palma areca

Giovane palma areca

Sempre secondo lo stesso studio, questa pianta perenne dal fogliame decorativo sempreverde è rinomata per le sue proprietà disinquinanti. La palma Areca è in grado di rimuovere quantità significative di toluene e xilene. È anche un buon umidificatore naturale per interni che aiuta a ripristinare un buon livello di umidità durante i periodi secchi.

Per informazioni

  • Coltivata in ambienti chiusi, la palma areca necessita di esposizione alla luce intensa. Posizionalo sul bordo di una finestra esposta a sud o ovest.
  • Scegli un terriccio drenante a base di torba per la tua pianta e annaffia regolarmente per mantenere il terreno umido, ma senza essere pesante. Lascia asciugare il terreno tra due annaffiature.

14. La gerbera

Gerbera

La gerbera è una pianta da fiore apprezzata per i suoi fiori decorativi, dai colori vivaci e a forma di margherita. La gerbera si presta bene alla coltivazione in vaso. Questa pianta perenne ha la particolarità di purificare l’aria ambientale. Assorbe benzene, toluene, formaldeide e tricloroetilene

Per informazioni

  • La gerbera prospera in pieno sole, ma non tollera le alte temperature.
  • Coltivare questa pianta in terreno ricco di sostanza organica e drenante.
  • Innaffia la gerbera solo quando il terreno è asciutto. In inverno, riduci l’irrigazione quando la pianta entra in un periodo dormiente. Durante questo periodo è sufficiente annaffiare una volta al mese.

Attenzione

  • Infatti, se decidete di posizionare delle piante nella cameretta del vostro bambino, vi preghiamo di tenerle lontane dalla culla.
  • Non appena inizia a gattonare a quattro zampe o diventa molto curioso, ricordatevi di metterlo fuori dalla sua portata.

La sicurezza dei nostri figli è una questione da prendere sul serio! A questo scopo vi consigliamo di procurarvi il numero del centro antiveleni locale… In caso di emergenza, salverà la situazione!

8 passi aggiuntivi per un’aria pulita nella stanza del tuo bambino

Varie fonti possono influenzare la qualità dell’aria all’interno della tua casa, inclusa l’aria inquinata proveniente dall’esterno, i prodotti chimici per la pulizia e altro ancora. Detto questo, adottando accorgimenti specifici, puoi ridurre significativamente la presenza di sostanze inquinanti nell’aria della tua casa, soprattutto nella stanza del tuo bambino. Oltre all’utilizzo di impianti per la purificazione dell’aria, suggeriamo 8 ulteriori misure da adottare al più presto:

  1. Investi in un purificatore d’aria
  2. Utilizzare detergenti ecologici durante la pulizia
  3. Ridurre al minimo l’uso di prodotti profumati
  4. Mantieni pulita regolarmente la stanza del bambino
  5. Dotatevi di uno scambiatore d’aria
  6. Aprire le finestre per ventilare la stanza
  7. Tenere lontani gli animali domestici (soprattutto se allergici)
  8. Mantenere livelli ottimali di umidità interna

Queste piante verdi doneranno un tocco decorativo naturale alla cameretta del tuo bambino e purificheranno l’aria dell’ambiente grazie alle loro proprietà disinquinanti e purificanti.