Lo sapevi che il caffè, senza zuccheri aggiunti, è un ottimo fertilizzante naturale per alcune piante? Sapevamo già che i fondi di caffè sono un’ottima opzione per fertilizzare il terreno. Grazie alle sue numerose sostanze nutritive, e principalmente al suo contenuto di azoto, questo componente è regolarmente richiesto per la coltivazione delle piante. Ma l’idea di utilizzare il caffè stesso per innaffiare le piante ci sembra a dir poco insolita. Bene, rimarrai piacevolmente sorpreso dal risultato!

Beviamo una tazzina di caffè ogni mattina per darci una sferzata di energia per affrontare al meglio la giornata. Ma chi l’avrebbe mai detto che potesse essere utilizzato anche come fertilizzante in giardino? Incredibile ma vero: “bere” caffè alle nostre piante può aiutarne la crescita. Scopri queste piante che apprezzano quanto noi questo famoso nettare nero!

tazza di caffè

I benefici del caffè per il mantenimento delle piante

È davvero vantaggioso innaffiare le piante con il caffè? Scopriamolo.

Leggi anche: Quali sono i benefici delle foglie di alloro per lavare il pavimento?

Il caffè contiene magnesio e potassio, questi sono nutrienti necessari per la crescita delle piante. Certo, non possiamo usare il caffè che beviamo con lo zucchero, un po’ di latte o magari anche con un tocco di panna. Se lo zucchero non è una sostanza veramente nociva, la panna e il latte sono comunque dannosi per la semina degli ortaggi. In altre parole, se pensate di utilizzare il caffè per annaffiare le vostre piante, ricordatevi sempre di diluirlo preventivamente con un po’ d’acqua.

È importante sapere che le piante crescono meglio con un pH acido (in particolare da 5,8 a 7). Il caffè ha già un pH compreso tra 5,2 e 6,9, quindi l’aggiunta di acqua di rubinetto (che tende ad avere un pH superiore a 7) può aumentare l’acidità del suolo. Bisognerà quindi far raffreddare il caffè e poi diluirlo con acqua di rubinetto fredda (più o meno con la stessa quantità di caffè).

Successivamente, puoi innaffiare qualsiasi pianta a cui piaccia un terreno leggermente più acido, tra cui:

1. Azalee
2. Ciclamini
3. Ortensie
4. Gardenie
5. Giacinti
6. Aloe Vera
7. Rose
8. Begonie

tazza di caffè

Come usare il caffè sulle piante?

Il caffè diluito aggiunge abbastanza fertilizzante organico per incoraggiare le tue piante a crescere e prosperare in modo più sano.

Tuttavia, per evitare che il terreno sia troppo acido, innaffia le tue piante solo occasionalmente con caffè, altrimenti potrebbero ammalarsi o addirittura morire. L’ingiallimento delle foglie può anche essere segno di un eccesso di acidità nel terreno, in tal caso è meglio interrompere questo genere di annaffiature e procedere invece al rinvaso delle piante.

Attenzione, non usarlo mai per innaffiare piante che non amano il terreno acido. E come abbiamo già sollevato, non considerare nemmeno l’irrigazione con caffè aromatizzato: rischia germi del suolo, funghi e odori indesiderati.

Leggi anche: Scopri il sapore dei pinoli: consigli e suggerimenti

Perché i fondi di caffè dovrebbero essere usati in giardino?

Le virtù dei fondi di caffè per il giardino sono molteplici, ecco alcuni buoni motivi per non buttarli via:

  • Fertilizzante del suolo
  • Terreno per piantine
  • Controllo dei parassiti
  • Tieni il gatto lontano dal giardino e dall’orto
  • Mezzo di coltivazione
  • Miscela di compost

Leggi anche: Perché devi infilare una foglia di alloro sotto il cuscino?