Nel corso degli anni, potresti notare che il tuo cellulare inizia a rallentare, la batteria si scarica in poche ore e spesso devi riavviarlo perché funzioni meglio. Nulla di anomalo in questo: i dispositivi hanno una durata di vita limitata, stabilita dagli stessi produttori, questa si chiama “obsolescenza programmata”. Tuttavia, la sua longevità dipende molto anche da come viene utilizzata. Sfortunatamente, i nostri cellulari sono spesso messi alla prova. Inconsapevolmente, inconsapevolmente, riduciamo la vita del nostro Smartphone!

I telefoni cellulari fanno così parte della vita di tutti i giorni che a volte dimentichiamo che sono dispositivi con una tecnologia complessa e alcuni componenti delicati. Ecco alcune delle abitudini che possono influire sulle prestazioni del tuo cellulare.

La cattiva abitudine di mettere lo smartphone ovunque

telefono

Per evitare sguardi indiscreti o semplicemente per non essere disturbati da suoni forti e notifiche  , si tende a mettere il portatile acceso sul tavolo. Questo è probabilmente uno degli errori più dannosi di cui non siamo a conoscenza. Perché, nella maggior parte dei casi, le superfici su cui lo posizioniamo sono piene di polvere e sporcizia. A volte la texture risulta addirittura ruvida, cosa che spesso rischia di danneggiare lo schermo, provocando in pochi secondi delle antiestetiche righe.

Leggi anche: Il trucco per eliminare tutti i cattivi odori in cucina e lasciare un buon profumo

Per evitare questo inconveniente, è sufficiente semplicemente utilizzare un vetro protettivo. Se non vuoi essere disturbato dalle notifiche, puoi impostare la modalità offline e posizionare il dispositivo sul lato destro.

Connettiti a qualsiasi rete Wi-Fi o dispositivo Bluetooth nelle vicinanze

Il modo migliore per essere hackerati è utilizzare le reti pubbliche. Inoltre, il tuo dispositivo generalmente ti avverte dei rischi: infatti, quando entri in una rete Wi-Fi pubblica, il tuo Smartphone generalmente ti avverte che chiunque può vedere le informazioni scambiate lì. In quel momento, gli hacker possono facilmente ottenere l’accesso ai tuoi dati personali.

Utilizzare un caricabatterie economico non originale

caricare il telefono

Come misura di sicurezza, i produttori consigliano sempre di utilizzare caricabatterie specifici del marchio. Molti utenti pensano che si tratti di una strategia aziendale, ma c’è un motivo valido e anche serio per questa mossa. Cavi di marche sconosciute, spesso meno costosi, non sono costruiti con la stessa qualità e possono quindi danneggiare il tuo Smartphone fino a farlo esplodere o prendere fuoco durante la ricarica. Se non utilizzi il caricabatterie originale, assicurati almeno che sia certificato.

Qual è la durata di vita di un cellulare?

Secondo il Consumentenbond, organizzazione no-profit di origine olandese, la vita media di uno smartphone è stimata in 2 anni e mezzo. Detto questo, in realtà, è il modo in cui gestisci il tuo telefono che determina davvero quanto dura.

Attenzione alle temperature!

surriscaldamento del telefono

Sono le cattive abitudini che rovinano i nostri Smartphone. Ahimè, non ce ne rendiamo nemmeno conto. Nonostante siano resistenti e potenti, gli smartphone sono anche dispositivi molto delicati. Soprattutto quando li esponiamo a sbalzi di temperatura improvvisi.

Uno degli errori più fatali: posizionare il cellulare in uno spazio esposto al sole o, al contrario, in una zona molto fredda. Il calore potrebbe surriscaldare il dispositivo e danneggiare facilmente lo schermo LCD. Per quanto riguarda la bassa temperatura, è probabilmente il peggior nemico della batteria. E passare dal caldo al freddo danneggia maggiormente il dispositivo. Per evitare tutti questi problemi, opta per una semplice borsa dedicata allo Smartphone. Ce ne sono di tutte le forme e colori. È soprattutto uno strumento di protezione molto pratico!

Leggi anche: Il mese di giugno sarà difficile per 3 segni zodiacali: un errore potrebbe costargli caro

Un’altra cattiva abitudine: ricaricare il cellulare in modo errato. Ci è sempre stato insegnato che prima di mettere in carica il dispositivo, la batteria  dovrebbe essere allo 0%. Sì, solo che si tratta di modelli molto vecchi che non esistono quasi più. Oggi questo consiglio non è più rilevante. Se continuiamo ad avere questo cattivo riflesso, le nostre nuove batterie a lungo andare si danneggeranno. È meglio ricaricare il cellulare quando la batteria scende a circa il 15%. Allo stesso modo, non è consigliabile salire al 100%: gli esperti consigliano di ricaricare il cellulare più volte al giorno per un tempo abbastanza breve. Idealmente, non dovrebbe superare l’80% per evitare il surriscaldamento e il degrado della batteria.

Attenzione anche all’uso quotidiano dello Smartphone: per quanto possibile, è meglio non tenere aperte decine di pagine contemporaneamente o conservare in memoria tutti i video e le foto ricevuti. Invece, affidati al cloud per archiviare i file. E soprattutto chiudi sempre i siti dopo averli visitati!

Leggi anche: Come eliminare i cattivi odori in casa dallo sporco in cucina e in bagno?