La cura delle piante non è sempre facile. Prima di coltivare una pianta indoor o outdoor, è importante conoscere le condizioni della sua coltura, per evitare che appassisca. In effetti, alcuni errori possono rivelarsi fatali per le tue piante, soprattutto quelli che riguardano l’irrigazione. Dai un’occhiata a questo errore che può uccidere le tue piante d’appartamento.

Per mantenere le tue piante rigogliose e sane, è importante prendersene cura. Per fare questo, è necessario conoscere la loro condizione di crescita, per evitare eccessi che possono essere dannosi per le tue piante, soprattutto quando si tratta di annaffiare.

Qual è l’errore che può uccidere le piante d’appartamento?

pianta appassita

L’errore che può essere fatale per le tue piante d’appartamento  è l’irrigazione eccessiva secondo Etienne Laurentides, giardiniere e paesaggista del Giura.  L’acqua in eccesso, infatti, toglie ossigeno al terreno e quindi  asfissia le radici e le fa marcire.  Oltre a questo, quando il terreno è molto umido, la pianta non riesce più ad alimentarsi, perché l’umidità blocca il processo di fotosintesi. Di conseguenza, le sue foglie si ammorbidiscono, ingialliscono  e poi muoiono.  Inoltre, un eccesso di acqua rende la pianta vulnerabile  agli attacchi dei parassiti,  ma anche dei funghi. La muffa può quindi formarsi sul vaso e sul terreno.

Leggi anche: 27 piante repellenti per zanzare e mosche da avere in casa nel 2023

Come salvare le piante dall’eccessiva irrigazione?

Per salvare una pianta che ha ricevuto molta acqua, inizia prima  mettendola all’ombra.  Lasciarlo al sole lo farebbe seccare, perché una pianta troppo irrigata non può inviare acqua alle sue estremità. Quindi  devi lasciarlo asciugare.  Per velocizzare l’essiccazione della pianta, picchiettare con la mano sui lati del vaso, più volte. Questo aiuta a dissodare il terreno, cioè a renderlo leggero oltre a creare sacche d’aria atte ad aerare il terreno.

Poi rimuovi la pianta dal vaso  per controllare lo stato delle sue radici  e poi rinvasala in un nuovo vaso. Per fare questo, gira delicatamente la pianta, tienila con una mano e con l’altra agita il vaso finché non riesci a estrarre la zolla. Quindi, usando le dita, rimuovi tutto il terreno che si trova attorno all’apparato radicale della tua pianta. Non è necessario tenere questo terriccio perché, al momento del rinvaso,  verrà utilizzato un nuovo terriccio più fresco.  Usando un potatore ben pulito e disinfettato, rimuovi le radici marce. Li riconoscerai dal  loro aspetto marrone o nero, morbido e pastoso. Le radici sane, invece, sono bianche e sode.Non esitare a potare foglie e steli morti. Questi sono marroni e secchi.

Dopo aver ripulito la pianta dalle sue parti morte, rinvasala in un nuovo vaso  che contenga fori di drenaggio.  Per favorire il deflusso dell’acqua e favorire il drenaggio, puoi aggiungere uno strato di pacciame o ciottoli di argilla sul fondo del vaso. Quindi aggiungi terriccio fresco e picchietta leggermente la superficie per compattarlo. Innaffia leggermente per inumidire il terreno e annaffia solo una seconda volta  quando il terreno si asciuga.  Inoltre, assicurati dopo ogni annaffiatura di rimuovere l’acqua stagnante nel sottovaso o nel vaso.

Leggi anche: 20 piante da interno ideali per stanze poco illuminate

Come evitare di annaffiare eccessivamente le piante d’appartamento?

pianta d'acqua d'appartamento

Per evitare un’irrigazione eccessiva che può uccidere la tua pianta, innaffiala solo quando ha bisogno di acqua. Per questo, diversi indizi possono aiutarti a sapere se dovresti annaffiare o meno la tua pianta.

  • Il terreno:  prima di innaffiare la tua pianta, spingi il dito nel terreno. Se è asciutto più di 4 cm di profondità, annaffialo.
  • Il peso del vaso:  una pianta è più pesante dopo l’irrigazione. Sollevare la pentola ti permette di pesarla. Se è pesante, significa  che il terreno è ancora pieno d’acqua  e quindi inutile annaffiarlo.
  • Tipo di pianta:  la quantità di acqua di cui una pianta ha bisogno dipende dal suo tipo. Ad esempio, cactus e piante grasse necessitano solo di un basso apporto idrico. Non è necessario annaffiare regolarmente queste piante grasse, poiché il loro tessuto carnoso e spesso aiuta a trattenere l’acqua. Ciò significa che queste piante possono resistere molto bene alla siccità. D’altra parte, le piante che hanno fogliame, boccioli o fiori fini devono essere annaffiate regolarmente.

Detto questo, evita di essere pesante quando innaffi le tue piante verdi da interno, poiché l’acqua in eccesso può soffocare le radici delle tue piante e farle marcire.

Leggi anche: 14 piante da interno disinquinanti ideali per la cameretta del bambino