Press ESC to close

Sbloccare un lavello: 7 consigli pratici

Avere il lavandino intasato con ristagno di acqua sporca è un problema idraulico abbastanza comune nelle famiglie. Scopri qui alcuni consigli da utilizzare per sturare un lavandino e i riflessi da avere per prevenire questa situazione.

Come sturare il lavandino?

Esistono diversi suggerimenti utili che possono essere utilizzati per eliminare i detriti dai canali del lavandino.

1. Acqua bollente

Versare l'acqua bollente in un lavandino intasato

Questa formidabile tecnica ha la capacità di disintegrare molto bene i resti di cibo attaccati alle pareti dei condotti. È sufficiente versarvi una grande quantità di acqua calda (due o tre litri) per essere sicuri che passi attraverso la condotta.

Tuttavia, questo trucco inarrestabile può avere dei limiti, soprattutto quando si tratta di avanzi duri come mais o fagioli o anche piccoli pezzi di carne.

2. Pulizia del sifone

Per sturare un lavandino, pulire il sifone è una delle prime cose da fare. Il sifone è un percorso essenziale per le acque reflue che vengono scaricate nel lavandino.

Bisogna poi svitarlo e mettervi sotto un secchio per raccogliere l’acqua che ne sgorga. Questo rilascerà completamente l’acqua dal lavandino e i rifiuti senza filtrazione.

3. Il pollone

Per eliminare l’acqua di scarico che rimane nel lavandino, utilizzare la ventosa è un’ottima idea.

Semplice da usare, basta posizionarlo piatto sul foro attraverso il quale scorre l’acqua dal lavandino e quindi creare aria. Diversi movimenti avanti e indietro di questo gesto permetteranno di disintasare e sollevare gradualmente il cumulo di rifiuti che si viene a creare.

4. Il furetto

Nei casi in cui si sia creato l’ingorgo dei rifiuti oltre il sifone, il furetto può essere un utile strumento per disgregarlo.

Questa barra metallica abbastanza flessibile può essere inserita nel tubo. Alla sua estremità sono presenti delle piccole spazzole che permettono di pulire tutto il tubo.

Inoltre, utilizzando la sua punta ad uncino, il furetto può aiutare a rimuovere i rifiuti più ostinati. Una volta terminato, l’acqua bollente può anche aiutare a lavare meglio gli scarichi.

5. Bicarbonato di sodio e detersivo per piatti

Versa una miscela di bicarbonato di sodio, sale grosso e aceto nel lavandino

Il bicarbonato di sodio è uno sblocco naturale del lavandino. Questo suggerimento è utile nei casi più gravi.

Dovrete versare nel lavandino una miscela di bicarbonato, aceto bianco e sale grosso. Dopo alcune ore, questa miscela avrà effetto.

Versare detersivo per piatti e acqua calda per sturare il lavandino

Come il detersivo per piatti, è utile anche per sturare velocemente gli scarichi del lavandino. Aggiunto all’acqua bollente, dopo un po’ farà scivolare fuori il tappo dei detriti.

6. Il tubo da giardino

Come ultima risorsa, il tubo da giardino può essere utilizzato per pulire un lavandino dai rifiuti. Per fare ciò, è necessario inserire il tubo da giardino nel canale di scarico e aprire l’acqua, aumentando gradualmente la pressione per evitare di allagare la casa.

7. Rivolgiti a un professionista

Facendo un buon tuttofare è possibile risolvere alcuni piccoli problemi relativi alle tubature, ma può capitare che i problemi richiedano la competenza di un  professionista dello sbloccaggio lavelli .

Quest’ultimo potrà risolvere velocemente il guasto e consigliarvi come affrontare situazioni simili e, soprattutto, prevenire possibili ingorghi.

Cosa fare per evitare di sbloccare un lavandino?

Può essere fastidioso avere un lavandino che si intasa spesso. Per evitare ciò, è necessario adottare azioni quotidiane.

Il cibo rimasto deve essere completamente svuotato dai piatti nei sacchi della spazzatura. Anche farina e grassi come olio o burro fuso possono essere versati nei bidoni della spazzatura, poiché si induriscono e si accumulano nei tubi.

Oltre a queste azioni, il filtro lavello è utile anche per evitare che tutti i residui di cibo entrino nel sifone e poi nelle tubazioni.